In Evidenza

domenica 30 settembre 2007

20 anni di oratorio a Magliano

Sono passati ormai più di due decenni da quando la famiglia Castro venne da Roma per fondare quello che oggi è l'oratorio "Giulia Annibaldi" di Magliano. Il primo anno di "dottrina" iniziò nel settembre 1986 e finì a giugno del 1987. Con quest'anno appena iniziato l'oratorio entra nella sua terza decade. L'oratorio è stato, per tutti i giovani maglianesi e, oramai, anche per qualche meno giovane, il luogo dove conoscere la fede in Cristo ma anche dove condividere tanti momenti della gioventù, giocando a palla prigioniera e palla a schizzo nel Cis, facendo gite ai parchi e alle abbazie, partecipando ai ritiri e alle feste. Sicuramente un dolce ricordo, accompagnato da una crescita interiore dello spirito in ogni ragazzo, anche in chi non ha deciso poi di abbracciare quella fede. Oggi questo "pezzo di Magliano" termina i suoi primi venti anni, e ci auguriamo che nel futuro possa raggiungere il medesimo traguardo.

Niccolò

Ancora no?

Qualcuno sta davvero iniziando a diventare seccante. Purtroppo però un qulacuno (molti) che non si firma. Allora faciamo una dichiarazione ufficiale.

SABINAMENTE RACCOGLIE PERSONE DI DIVERSA ESTRAZIONE SOCIALE E POLITICA.

SABINAMENTE VUOLE CREARE QUALCOSA DI NUOVO E DI BUONO PER MAGLIANO.

SABINAMENTE SI OCCUPA SOLO ED ESCLUSIVAMENTE DI MAGLIANO E SOLO RIGUARDO A QUESTO I SUOI MEMBRI NE RISPONDONO DAVANTI ALLA COLETTIVITA'.

OPINIONI DEI MEBRI RIGUARDO A TUTTO CIO' CHE NON E' IL "SISTEMA MAGLIANO", NON TROVANO SPAZIO NE TANTOMENO VENGONO DISCUSSE IN QUESTA SEDE.

CHIARO? (..ma quando?...)

venerdì 28 settembre 2007

Il buco, verso la Cina

La solita figuraccia,... ma come noi Verdi facciamo di tutto per farci finanziare il dearsenificatore e addirittura anche l'allaccio al Peschiera con un nuovo acquedotto dall'Assessore all'Ambiente della Regione Lazio dei Verdi e invece il Sindaco al convegno proprio davanti all'Assessore dice di voler continuare a scavare il BUCO oltre i 186 mt per trovare l'acqua.
Non si capisce perchè lo fa, forse perchè vuole risolvere a modo suo i problemi dell'acqua, ( vedi tutti i problemi non risolti, anzi creati durante il suo mandato ) oppure perchè non vuole l'aiuto dei Verdi ?
Tanto i soldi sono dei cittadini, poi se l'acqua non si trova che importa, oppure se ne trova poca, magari abbiamo fatto il pozzo per il proprietario del terreno.
E mettiamo il caso che il Sindaco con il Geologo avessero ragione, allora a che servirebbe l'allaccio al Peschiera, per cui la Regione ci finanzierà con € 1.800.000,00 all'inizio del 2008 ?
Sempre per cercare di contrastare l'azione di un partito come i Verdi, che non fa il giro delle case a chiedere consensi con le promesse di lavoro, anzi non ha mai chiesto voti a nessuno, facendo solo gli interessi della comunità, c'è qualcuno che manda in giro delle voci che sono disposti ad arrivare in Cina per cercare l'acqua, l'importante è non farsi aiutare dai Verdi.
Pietro Galadini
 

Progetti per la pineta



Entrando nel Comune, ho trovato al primo piano questo progetto per la pineta. Se ben ricordo (vado a memoria) l'opera fu realizzata anni or sono da Luciano Minestrella, in vista di un utilizzo reale della zona. Piscina, teatro aperto, parete d'arrampicata, pista da skates. Non si potrebbe prendere in considerazione questo progetto e destinare la pineta a un qualche fine sociale?

Niccolò

A proposito di Magliano Insieme...

Non nascondo che quando ,oramai tre anni or sono, questa formazione scese in campo, nella scena pubblica e politica maglianese, molti dubbi e perplessità si insinuarono nella mia giovane testa.
Non mi davo pace di come ,persone che avevo sempre stimato, dentro le cui case ero cresciuto, non si accorgessero di essersi tirate dietro un carrozzone di gente a cui poco importava magliano, ma piu' importava la poltrona, e l'imminente crollo dell'amministrazione Lini,li aveva spinti di corsa a cambiare parte della barricata. I fatti di questi giorni, credo abbiano dimostrato come non mi sbagliavo allora. Cosi come non mi davo pace di come non si fosse riuscita all'epoca a creare una lista unitaria.

Altra cosa che all'inizio non capivo, era questo essere contro, a tutti i costi, ad ogni scelta dell'amministrazione. Mi ricordo che era un continuo di manifesti su masan, segretario comunale, acqua, scuole....fino a finire con quelli odierni sul cimitero.

In questi ultimi tempi, con la nascita della nostra associazione, e la battaglia sul cimitero, ho iniziato a frequentare piu' assiduamente i membri di magliano insieme, e ha partecipare alle loro riunioni.

Devo dire, con assoluta sincerità che allora MI SBAGLIAVO!
Perchè questi signori ai quali è sempre stato detto che piu' che la politica, il loro modus operandi era piu' consono al teatro, avevano ed hanno ragione su tutto. e non stanno li solo per rompere,ma per ogni cosa con cui non sono daccordo, hanno subito pronto un piano alternativo da proporre ai partiti.

HANNO FATO UN MACELLO PER LA MASAN, L'ACQUA, LE SCUOLE...
MA PENSATECI UN ATTIMO...QUANDO MAI HANNO AVUTO TORTO?

Non facciamo i soliti maglianesi, prima del partito mettiamo la persona, e prima ancora della persona mettiamo la sua idea per magliano.
Perchè se continueremo a ragionare, trincerati nelle nostre piccole fazioni, a magliano continuerà sempre avincere il canditato di partito di turno, il "capobranco" che deve tenere a bada le pecore.

Togliamoci i paraocchi, e iniziamo a guardare il futuro.

Frasi come:" A quelli u votu mica je lu do perchè me stanno tutti sur c...". Mi fanno rabbrividire.Chiunque siano i "quelli"!
Perchè io c'ho vent'anni e non posso piu' assistere inerme allo sfascio totale del mio paese, e me ne frego dell'antipatia e della simpatia quando si parla di politica. Mica stiamo parlando de annna a magnà na pizza!.

E poi, siccome sono pubbliche, partecipate alle loro riunioni, e forse vi renderete conto che sono semplici majanesi, come dovremmo esserlo tutti noi. Che vogliono bene a Magliano e che come sempre accade in questo paese hanno pagato 2 cose...

L'ESSERSI ESPOSTI, E L'AVER DETTO LE COSE COME STANNO.

Sperando che da questo possa nascere un serio dibattito, Francesco.

giovedì 27 settembre 2007

Parliamone

Ciao Francesco, volevo informarti che da quando sono stati messi i nuovi cartelloni per le affissioni, è stata fatta una delibera che stabilisce l'esclusiva dell'affissioni funebri in alcuni di essi, questo è stato fatto per un motivo nobile e rispettabilissimo, cioè evitare di mettere manifesti politici o che indicano delle feste, ecc, vicino a quelli dei compianti.
Ma a chi è venuta l'idea di affiancare ai necrologi la festa degli anziani ?
Comunque questa come tante altre è la dimostrazione che non c'è la qualità nella forma soprattutto verso gli ospiti e non basta continuare a vantarsi per quello che si cerca di fare in questo paese se poi non esiste la critica, fondamentale per migliorare.
Mettiti per un momento nei panni di chi arriva a Magliano per caso, per vacanza, per lavoro, di passaggio o attirato dalle bellezze del paese magari per visitare il museo.
Uscendo dall'autostrada ci si trova a passare davanti a un autovelox pronto a far pagare il pedaggio (nuovo sistema per far cassa, magari per pagare il mutuo del parcheggio), lungo la Flaminia e per tutto il tragitto che porta al paese, di solito si incontrano trattori con rimorchi che trasportano letame o insilato con una puzza da svenimento e di solito anche senza targhe ( queste sono le uniche attività produttive del paese, le uniche attività che possono fare tutto quello che vogliono e  addirittura anche sponsorizzati dal comune con i soldi dei contribuenti, vedi Agrisabina ), a volte si incontrano camion che portano gli animali al mattatoio dentro il centro storico (unico paese del Reatino con il mattatoio dentro al paese, in una via che una volta si chiamava via di Porta Romana, oggi via del Mattatoio), dopo essere passati sulla nuova via Roma, ci si ferma in piazza si paga il pedaggio per prendere un caffè e poi si scopre che non c'è l'acqua, il comune l'ha chiusa perché razionata, perciò si parla con il barista che lamenta la mancanza dell'acqua e della presenza dell'arsenico ad alte concentrazioni, il barista indica l'ordinanza del Sindaco appesa nel bar, il turista legge e chiede perché esiste una deroga fino al 30 dicembre 07 solo per gli abitanti e per gli allevamenti che producono e vendono nel territorio e il latte che vendete fuori dal territorio ?
Mah… risponde il barista qui non si capisce niente, sono mesi che l'Assessore all'Ambiente del comune scrive sui giornali dell'imminente assemblea che si terrà per spiegare come ci si deve comportare con l'acqua all'arsenico, qui siamo tutti incavolati, addirittura nelle scuole si cucina con l'acqua minerale e poi a casa gli stessi bambini usano l'acqua all'arsenico.
Mi scusi, stiamo cercando il museo sa dirmi dove è, il barista risponde ; guardi le conviene togliere la macchina dalla piazza prima che prende una contravvenzione, vada per il senso unico su per il Colle e poi lasci la macchina nei parcheggi vicino alla Chiesa di San Michele, poi fa 100 metri a piedi e trova il Museo, grazie risponde il turista.
Salendo su per il colle l'auto del turista, si deve fermare dietro un furgone che ha appena strisciato un passante, dopo 15 minuti il turista riesce passare e riesce anche a parcheggiare si avvia verso il museo che purtroppo trova chiuso.
Il turista capisce che questo paese a poco da offrire e magari tanti problemi da risolvere decide di andarsene, ma inconsapevole passa nella strada del Giglio per tornare sulla Flaminia e si trova a passare davanti all'allevamento avicolo di Colle Croce, trovandosi così al centro di una puzza asfissiante (sembra che a detta di chi gestisce l'allevamento non è ancora dimostrato che la puzza viene dallo stesso).
Caro Francesco, ti sto raccontando con un po' di cinismo e anche con ironia, cosa accade a Magliano, ma torniamo in dietro di qualche anno, quando uno di Civita arriva a Magliano e inizia a rompere, inizia a prendersela con la Masan azienda sponsorizzata dal Comune e dalla Provincia, addirittura c'era chi veniva a prendere il compost con le buste per la spesa e ci concimava i pomodori, perché venivano più grandi e più buoni, c'era chi si faceva spargere il compost nei campi e riceveva compensi, chi politicamente difendeva quell'impianto che avrebbe portato sviluppo al paese, addirittura venivano le scolaresche a visitarlo e c'era in programma di fare una scuola di formazione in quel sito.
Certo i cittadini, non sanno quanto tempo e quanto denaro è stato speso per avere una vittoria su quell'impianto, ma almeno quel turista di prima non ha incontrato i camion della Masan come succedeva fino al 07 luglio del 2004 data del bliz.
Sono sicuro, e continuo a dire che per migliorare questo paese bisogna iniziare ad aprire gli occhi e mettere in evidenza tutto quello che non và, anche se si perdono i consensi o si creano i nemici, per curarsi a volte è necessario fare dei sacrifici e magari sopportare anche del dolore.
Pensa se le aziende agricole sul territorio creassero una cooperativa che si occupasse di fare i trasporti per tutte le aziende, quanti soldi per comperare i mezzi  risparmierebbero, se si creasse un'impianto per la produzione di energia da bio-massa con tutto il letame che si produce a Magliano, quanto si risparmierebbe e con il nuovo conto energia si ripaga da solo in pochi anni, se si creasse un'azienda capace di produrre formaggi e latticini sul territorio quanto lavoro potrebbe portare invece di arricchire chi prende il latte da noi e a sua volta lo trasforma, se il comune  avesse creato una convenzione con le aziende agricole disposte a tagliare l'erba per le strade con i trattori attrezzati con i trincia-stok, non avrebbe comperato il trattore nuovo con tutti gli accessori, se il Comune avesse saputo gestire i servizi non si sarebbe creata la Municipalizzata per creare nuovi posti di lavoro e chissà anche nuovi consensi,  ( intanto gli LSU chi li paga e per chi lavorano, per il Comune o per la Municipalizzata?),  se a posto degli autovelox si creassero dei punti d'informazione e addirittura si offrisse un caffè a chi esce dall'autostrada, con la preghiera di andare piano e di visitare il nostro paese, se a Magliano si creassero tutti o perlomeno tanti punti vendita di prodotti Sabini si creerebbe un paese individuabile per la tipicità, per la qualità e per la scelta dei prodotti visto che siamo all'ingresso della Sabina, se invece di fare tante piccole feste di quartiere si creasse un'unica festa della durata di tutta l'estate ai piani, si potrebbero concentrare gli sforzi di tutti e fare una grande cosa, con l'uscita dell'autostrada e con la vicinanza a Roma, a Viterbo, a Terni, a Orvieto ecc…. sarebbe la più grande festa per " l'Ambiente in Sabina" sulle rive del Tevere, pensa a quante cose si potrebbero fare se non ci fossero le persone che hanno paura di perdere il posto o che passano sopra a tutto pur di raggiungere i propri scopi sempre a discapito degli altri.
Scusami se mi sono dilungato, avrei tante altre cose da dirti, magari quando ci vediamo.
P.S. Queste righe l'ho indirizzate a Francesco Sabatini perché volevo dare un'informazione per quanto riguarda il servizio affissioni, ma di seguito potrebbero essere indirizzate a tutte le persone che si sentono cittadini del mondo e che vogliono bene al prossimo, tanto un paese vale l'altro.

Pietro Galadini

mercoledì 26 settembre 2007

RACCOLTA FIRME

Sabato 29 Settembre sarà allestito presso il Belvedere Mazzini (davanti al mercato) un banchetto per continuare ad informare la gente sulla "questione cimitero" e continuare la raccolta firme contro la privatizzazione del cimitero di Magliano.

SOSTIENI ANCHE TU QUESTA IMPORTANTE INIZIATIVA!
FIRMA PER FAR CAPIRE CHE A DECIDERE DEVE ESSERE LA GENTE!

martedì 25 settembre 2007

grande rimpa

Sono Alessio(bardo), colgo l'occasione per congratularmi con il mio amico Cesarini che oggi si è laureato e gli faccio i9 miei migliori auguri!!!!
107....Cesarini c'è!!


------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode™ di Wind
http://i-mode.wind.it/

lunedì 24 settembre 2007

un piccolo chiarimento

come buona parte della popolazione ha potuto apprezzare direttamente in giro per il paese nella giornata di sabato, o tramite internet, nei giorni successivi, una parte dei membri dell'associazione SABINAMENTE (niccolo', andrea, francesco) ha aderito alla 2° giornata provinciale della terza età. E vi ha fativamente collaborato. Il senso di questo post non sta tanto nello spiegare cio' che abbiamo fatto, visto che le autocelebrazioni non ci appartengono, ma nel dire PERCHE' LO ABBIAMO FATTO.
Gia' da sabato pomeriggio sono arrivate, infatti, alle nostre orecchie piccole voci, poco piu' che sussurri, su come mai avessimo collaborato ad un'iniziativa che era stata organizzata anche dall'amministrazione.

- innanzitutto ci piacerebbe che qualcuno, piu' che chiedersi perchè, ci dicesse PERCHE' NO?

- ribadiamo che sabinamente non è un partito, ma un associazion culturale, e che quindi non deve dare conto a nessuno di cio' che fa'. Non abbiamo i famosi "piani alti" ai quali esser obbligati a riferire circa il nostro operato.

- sottolineiamo, qualora ce ne fosse ancora bisogno: NOI scegliamo quale battaglia intraprendere o quale iniziativa appoggiare solo in base al fatto che possa essere o meno condivisa dai membri dell'associazione stessa.

- non crediamo che per questo motivo possiamo essere tacciati di ambiguità o incoerenza perchè crediamo che in un paese si debba andare un po' oltre le barriere dei partiti, magari qualche volta tappandosi anche il naso, e pensare all'unico bene comune che, ribadiamo, rappresenta per noi il bene di MAGLIANO.
Aggiungo, a mio avviso in un paese dovrebbero prorpio sparire i partiti. Perchè ce lo abbiamo sotto gli occhi l'esempio di chi, prima di pensare alla sfera locale, guarda come si mettono le cose a livello nazionale.

Speriamo di essere stati esaurienti.

Francesco

pagelle partita di calcetto

Iniziamo con le formazioni:
1)Cesarini,Capozucchi,Marietto,Giammarco,Dalla muta
2)Pajani,Sabbatini;Bardo,Pedro,Ronca.
Il team numero 2 si aggiudica il match dopo una lunga e sofferta partita.
PAGELLE:
Cesarini 9:è facile dire che vince solo rimpalli ma stasera sfodera una prestazione da vero bomber con tanti goal e palle filtranti...mattatore
Capozucchi 6,5:il solito caso, estroso ma non sempre convincente.Cerca spesso il colpo ad effetto che nn sempre riesce ma la forma sta migliorando..giocoliere
Marietto 7,5:numeri di alta scuola, goal strepitosi se avesse quel pizzico di concretezza in più davanti alla porta...incompleto
Pistorius 8+:Come dirige la difesa lui lo fanno in pochi, corre, recupera e sprona i suoi compagni....ministro della difesa
Giammarco 7+:il ragazzo cresce bene segna e corre a volte cade anche lui nel turbine della "pallonite" comunque ottimo...il nuovo che avanza
Pagliani 7,5:Vince la sua personale partita con la sfiga in + sfodera una gran prestazione difensiva e fa vedere che il calvi calcio a 5 c'è....pagliani c'è
Sabbatini 8:delle volte sembra troppo egoista ma la sa mettere dentro come pochi è un bomber che non sfiorisce mai...bocciolo
Pedro 7:fa dannare i suoi compagni con i tiri da distanza siderale però quando serve c'è...presente
Ronca 7:sgommino 2 corre sulla fascia come se avesse la pinna sopra solo che ha due piedi come due ferri da stiro...roventa
Bardo N.g:inizia in porta econ molte parate, finisce in porta segnando però con un assolo coast to coast il gol finale...costa crociere
Premi speciali:
Miglior giocatore:rimpallini
Miglior Portiere:bardo
Miglior svenimento:Pagliani quando sta in porta


------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode™ di Wind
http://i-mode.wind.it/

domenica 23 settembre 2007

Festa degli anziani a Magliano

Sicuramente è stato un successo! Per l'intera giornata di ieri, sabato 22 settembre 2007, a Magliano, oltre 700 anziani provenienti dai vari centri della provincia hanno potuto visitare le bellezze della nostra città e del nostro territorio in occasione della Seconda Festa Provinciale della Terza Età. L'evento ha potuto aver luogo grazie al contributo della Provincia di Rieti, della Regione Lazio, dell'Ancescao, del Comune di Magliano Sabina, della Pro Loco e dei vari centri anziani della provincia. L'impegno è stato grande, e ha permesso ai tanti turisti di poter visitare il centro storico, le chiese, il museo, l'agrisabina, la vicosa. Per il pranzo i nostri hotel, ristoranti, agriturismi e comitati hanno prestato servizi eccellenti, riscuotendo tra tutti sempre un ampio apprezzamento. Nel pomeriggio la giornata è stata allietata da musiche e canti popolari. Sabinamente ha partecipato nel suo piccolo a questo importante evento, consapevole che qualsiasi iniziativa valida per Magliano debba essere condivisa e debba vedere l'adesione di tutti, indipendentemente dalle forze che hanno avanzato la manifestazione. Crediamo che solo con la collaborazione di tutti si riesca a creare qualcosa di importante per Magliano, proprio come è successo ieri.

Sabinamente

Buona prova della Maglianese calcio

La maglianese ha superato con un netto 2-0 il real colle sabino. L'amichevole svoltasi questa mattina presso il campo comunale, ha visto la compagine locale esprimere un buon gioco ed anche una discreta tenuta atletica. le reti sono state segnate tutte nella prima frazione di gioco da Cristian "binnolo" Proietti e il sempre verde bomber Diego Vinci. Unica tegola l'infortunio dell'idolo della tifoseria locale (i DOGS nda) Lorenzo Graziani. Domenica è previsto l'esordio casalingo contro il tomba di nerone.

Qualità altissima, ma...

Mi è capitato, ieri, tra le mani, il programma del SABINAMUSICA FESTIVAL 2007. Leggendolo ho potuto apprezzare come tutti gli eventi che sono destinati a svogersi a Magliano siano di una pregevole caratura. Spiccano i nomi di grandi artisiti quali ed esempio Rita Marcotulli.
Purtroppo però i generi rimangono sempre troppo di nicchia. Sia chiaro che chi scrive li apprezza, ma in un paese di nemmeno 4000 anime jazz e musica classica non riescono a trovare il giusto tributo che meriterebbero.
E' un peccato vedere artisti abituati a calcare i grandi palchi della scena italiana e, a volte, anche internazionale, esibirsi nella quasi totale desolatezza del Teatro Manlio. E' un peccato soprattutto per loro, perche al di là dell'eventuale paga, per loro Magliano rimane sempre quel posto dove non viene mai nessuno,o quasi, a vederti.
Crediamo, noi di sabinamente, che si debba prendere atto di questa situazione e cercare anche di proporre altri generi.
Certo sarebbe una perdita dal punto di vista qualitativo (perchè come ho gia detto il programma non ha nulla da invidiare ad una eventuale rassegna organizzata nella capitale), ma si sa che il popolo vuole "panem et circenses". E a volte l'interesse del popolo, o se preferite della gente, è ciò che dovrebbe contare di piu'.

venerdì 21 settembre 2007

Settimana Maglianese

Noi ragazzi dell'associazione culturale SABINAMENTE abbiamo un piccolo grande sogno. Vogliamo vedere la nostra bella Magliano in festa per una settimana, con la sua gente a riempirne le strade.
A tale proposito abbiamo elaborato una serie di idee e di eventi che di seguito riportiamo. Per realizzarli serve l'aiuto di tutti. Un aiuto anche minimo. Basterebbe anche l'appoggio morale. Basterebbe per una volta sentirsi orgogliosi di appartenere a questa comunità. Basterebbe sentirsi semplicemente maglianesi.

Centralità.
La centralità topologica della festa è per noi uno degli aspetti fondamentali. La festa deve stare necessariamente in piazza, via Roma, giardinetti. Posti familiari ai maglianesi, atti ad ospitare tutti, "grandi e piccini".
A tale proposito sarà necessario un impegno burocratico per provvedere ad ottenere tutte le autorizzazioni del caso. E in questo dovranno esserci d'aiuto l'amministrazione e gli altri enti locali.
L'eventuale stand dovrà esser situato in posizione centrale. Bagni ed infrastrutture mobili, quale potrà essere ad esempio la cucina, potrebbero venire affittati, qualora non venisse reperito un sito adatto "in muratura".

San Liberatore e Gonfalone
Siamo dell'idea che l'unione di queste due feste possa giovare alla riuscita della manifestazione. L'esperienza dei vari comitati dovrà essere messa al servizio del nuovo comitato. Una settimana di festeggiamenti in onore del patrono con inclusa ad esempio una manifestazione in costume storico di non più di due giorni ed un torneo di calcio storico giocato dai ragazzi dei vari rioni rappresenterebbe una novità sulla quale crediamo sia d'obbligo riflettere. Di conseguenza la settimana di festa potrebbe corrispondere alla settimana che segue S. Liberatore, verso maggio inoltrato.

Poche cose fatte bene
Concentrando la manifestazione in una settimana, sarebbero meno le serate da riempire. Questo potrebbe sicuramente giovare alla qualità della manifestazione.

Spazio agli artisti locali
Gruppo teatrale, mirabilis teatro societas, varie band musicali, sono solo alcune delle immense risorse artistiche di cui Magliano dispone. Serate "autarchiche" avrebbero il vantaggio di minore dispendio economico e maggior captazione di pubblico, in quanto se in piazza si esibiscono i maglianesi...

Un evento che attiri pubblico
Con la collaborazione di sponsor e amministrazione comunale si potrebbe organizzare una serata con un ospite che abbia una buona risonanza a livello, quantomeno regionale. Non mancano ottime band o artisti, quali ad esempio comici, che senza eccessivo dispendio economico potrebbero essere invitati a suonare a Magliano.

Percorsi gastronomici
La settimana maglianese, dovrà avere tra i suoi scopi principali quello di portare gente da fuori, per far scoprire ciò che magliano può offrire. Crediamo sarebbe una buona cosa far organizzare stand gastronomici agli stessi ristoranti della zona, alcuni dei quali, teniamo a ricordarlo, hanno addirittura una notorietà a livello nazionale. Ciò potrebbe avvenire o in un luogo fisso o addirittura in vari punti chiave del paese, uniti da un ipotetico percorso.

Giovani
Una festa di paese non può precludere dai giovani. Pensiamo dunque di organizzare eventi dedicati, quali tornei di Ps, il calcio storico, una rassegna musicale etc etc. All'interno del nuovo comitato dovrà assolutamente esserci una sezione giovanile.

Raccolta fondi e pubblicità
Il programma della festa dovrà esser tale da invogliare esso stesso la gente a contribuire. Dovrà inoltre essere realizzato un book pubblicitario. E' prevista anche una eventuale campagna radiofonica. Bisognerà mettere a conoscenza della grande festa non solo Magliano e le sue località, ma tutte le città intorno. Si dovrà investire nei manifesti, cercando di pubblicarli a viterbo, civita, gallese, narni, fiano, poggio mirteto, rieti e terni.

Tutte queste idee sono soltanto una bozza, cha ha ovviamente bisogno di analisi e di un vaglio. Vaglio deve partire innanzitutto da voi. Voi dovete esprimere la vostra accettando o rifiutando le varie proposte, e soprattutto avanzando nuove idee che potrebbero diventare realtà se ben congeniate e realizzate. Per questo è necessario il vostro parere affinché la settimana maglianese possa realmente essere una settimana di festa per tutti e un'occasione di vanto per ogni nostro compaesano.

Sabinamente

giovedì 20 settembre 2007

famoce na partitella

Domenica si organizza(speriamo) una partita di calcetto dai super contenuti tecnici...
Sarà presente il pallone d'oro Cesarini,l'erede di Kakà Pagliani,il matador Capozucchi,Mariettttttooo,speramo Bersani e Buchetto,il tagliagambe Calabrini,Bardo il nemico del pallone d'oro e chi vuol venire....
Sabba tu che fai???


------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode™ di Wind
http://i-mode.wind.it/

COTRAL?...non passa più di qui!

Erano bei tempi quelli in cui aspettavi l'autobus per andare alla stazione con un po' di timore di fare tardi e perdere il treno...Tranquilli, problema eliminato! Sì, eliminando gli autobus!
 
Partiamo dall'inizio: da lunedì 10 Settembre u.s. la Regione Lazio, applicando il piano di ristrutturazione del servizio di trasporto pubblico, ha provveduto a cancellare dal servizio le tratte definite "urbane"; tra queste vi è anche quella Magliano S. - stazione F.S. (quella di Borghetto per intenderci).
Tale decisione è stata comunicata ai Comuni 6 mesi prima dell'attuazione del piano, quindi con largo anticipo al fine di mettere i Comuni nella condizione di istituire dei servizi sostitutivi al trasporto Cotral per le tratte cancellate.
La stessa informazione è stata ribadita anche la settimana precedente all'interruzione del servizio!
 
Secondo voi, la nostra amministrazione cosa ha fatto per fronteggiare a tale mutata situazione? NIENTE! Assolutamente NIENTE! Le altre entità politiche comunque non sono state da meno nel disinteressarsi a ciò...
 
Ad oggi quindi il primo bus Rossi che effettua servizio per tale tratta è quello delle 7:10 (per il treno delle 7:22).
E per i treni precedenti? ... O macchina o niente ... E per la sera? Ultimo bus 18:52! E poi? Pedalare!
 
Una domanda alla nostra amministrazione: quando saranno coperti (da RossiBus) gli orari precedentemente serviti da COTRAL?
...Le domande sarebbero tante...
 
Leonardo Varasconi

Tirata de recchie...

Non è per fare le suocere...ma li vogliamo aggiornare ogni tanto questi altri blog?!
siamo una voce importante, ognuno a suo modo, e soprattutto siamo liberi!

NON FACCIAMO COME OGNI COSA CHE ACCADE A MAGLIANO, CHE PASSATA L'EUFORIA TUTTO TORNA STAGNANTE!
E NE APPROFITTO PER DIRE:
FIRMIAMO LA PETIZIONE POPOLARE CONTRO L'IDEA DI TRARRE PROFITTO DALLE SEPOLTURE DEI NOSTRI CARI!

NO AL CIMITERO PRIVATO!

mercoledì 19 settembre 2007

Gli affreschi di San Pietro: 28 anni di restauro?!?

"Trascrizione dei fogli della Cronaca sugli affreschi di San Pietro" di don Carlo Nastasio

<<- Ho telefonato il 23-10-1987 alle ore 10.30 e mi ha risposto la Dottoressa P.. Ho chiesto se dopo 7 anni dalla consegna delle potevamo avere in restituzione i due affreschi prelevati dalla Chiesa di San Pietro, per restauro. Mi risponde che la dott.ssa C., che aveva progettato il restauro, era assente, ma che l’avrebbe informata.
- Il 3 novembre 1987, ore 10, sono chiamato al telefono dalla dott.ssa B., la quale mi dice, che quasi nulla o nulla è stato fatto, perché si sono verificate e persistono delle difficoltà pratiche e tecniche nell’impostare il lavoro di restauro. Faccio presente che il tempo di 7 anni non è poco e che già avremmo dovuto avere in restituzione i detti affreschi. Mi ha assicurato che il lavoro sarebbe stato iniziato fra alcuni giorni. Gli affreschi si trovano al palazzo Barberini di via IV novembre
- Il 15-02-1989 per telefono la dott.ssa C. mi informa che gli affreschi saranno riconsegnati entro il corrente anno appena ultimati i restauri. I lavori sono guidati dalla dott.ssa B. (laboratorio di restauri).
- Il 29-11-1989 ho telefonato alla dott.ssa B. per chiedere notizie e sollecitare restituzione affreschi. E’ assente. L’usciere prende il mio numero telefonico e riferirà.
- Il 25-05-1990 ore 12.00 ho telefonato alla dott.ssa C. la quale mi risponde che ormai da tempo si occupa del restauro la dott.ssa B. dirigente del laboratorio restauro [...].
- 28-05-1990 ore 12.15 telefono alla dott.ssa B.. E’ assente. Risponde la Segretaria D. F., che mi assicura di riferire alla B.. Chiede mio telefono. Ho sollecitato la conclusione del lavoro.
- 30-05-1990 ore 11.30 telefono alla dott.ssa B. è in riunione di studio, mi risponde la segretaria D. F. la quale mi dice di aver riferito alla B. che le ha detto che per mancanza di personale il restauro non è stato ancora iniziato. (lo si inizierà nel prossimo autunno)>>

Prelevati per essere restaurati nel lontano giugno del 1979 dalla chiesa di San Pietro, i due affreschi, raffiguranti l'uno la Madonna con il Bambino e Santo Francesco (o Santo francescano) e l'altro il Cristo sul lago di Tiberiade, giacciono ancora, più o meno dimenticati, nei locali della Sovrintendenza per i beni artistici di Roma. I due affreschi, di pregevole interesse storico, sono riferibili alla cultura umbro-laziale del periodo intorno al secolo XV. Dagli stralci delle comunicazioni intercorse tra il 1987 e il 1991 tra il parroco di allora Don Carlo Nastasio e i responsabili della Sovrintendenza di Roma, conservati tra la documentazione storica della parrocchia e della Curia, emergono notizie allarmanti. Al di la degli abituali scarichi di responsabilità tra un funzionario e l'altro della Sovrintendenza romana, dovuti anche alle frequenti turnazioni degli incarichi e degli insediamenti, che di fatto hanno sempre procrastinato l'inizio dei lavori di restauro, sembrerebbe che a tutt'oggi soltanto uno sia l'affresco da restaurare e precisamente quello relativo alla Madonna con il Bambino e Santo Francesco (o Santo francescano). Dell' altro raffigurante il Cristo sul lago di Tiberiade non si sa più niente! ! !  E' ora che la comunità cittadina, non solo parrocchiale, si mobiliti affinché le opere d'arte siano ricollocate nel luogo che per destinazione (la Chiesa di San Pietro) loro compete. Affinché Magliano torni ad avere ciò che di diritto le spetta.


Don Filippo e Niccolò

martedì 18 settembre 2007

Gastronomicamente...




Sabinamente ha deciso di riscoprire la tradizione culinaria locale.

Ci piacerebbe creare un calendario, dove, affiancato ai giorni di festa, fosse presente anche il menù che la tradizione impone o imponeva.

Questo post, e le nostre mail, sono a disposizione di chiunque voglia darci una mano. Il materiale raccolto verrà poi pubblicato (assieme al nome di chi ha collaborato) sul nostro portale "in fieri" sabinamente.info


INVIATE IL VOSTRO MATERIALE!

sport a magliano

Salve a tutti...
Prima di tutto saluto i due ragazzi che hanno dato vita a questo blog!
La questione che voglio sollevare è la seguente:si potrebbe valorizzare di più lo sport a Magliano?
espongo qui alcuni punti che ritengo fondamentali:
1-le strutture ci sono ma andrebbero valorizzate(palazzetto in primis)
2-il campo è ogni anno devastato a fine estate
3-il campo da calcetto si sta trasformando in una spiaggia
4-palazzetto polivalente...perchè no???
5-la pista di atletica si è rigonfiata sembra che ci sono i tremors!!
6-e la ex pista dei cavalli a che serve ora??
bisogna trasmettere voglia ai ragazzi giovani quindi utilizziamo meglio ciò che abbiamo!!!


------------------------------------------------------
Leggi GRATIS le tue mail con il telefonino i-mode™ di Wind
http://i-mode.wind.it/

Museo Archeologico: patrimonio sconosciuto

La dimostrazione vivente che a Magliano le cose ce l'abbiamo ma non sappiamo pubblicizzarle è il Museo Civico Archeologico, patrimonio tanto importante per Magliano quanto mai orgogliosamente ostentato. Il museo, istituito nel 1989 a Palazzo Gori, presenta moltissime sale espositive che raccontano Magliano e le zone limitrofe nelle varie epoche storiche: paleolitico, età del bronzo e del ferro, l'epoca arcaica con la necropoli e poggio sommavilla, l'epoca romana.

La visita del Museo rientrerà nel programma del 22 settembre, giorno della festa provinciale degli anziani. Ma poi? Poi, cosa succederà? Succederà che il museo tornerà ad essere un oggetto sconosciuto per tutti, cittadini maglianesi in primis. Tornerà ad essere semplicemente quel palazzo grigio che di ritroviamo lungo Via Sabina mentre facciamo il giro in macchina d Magliano.

Affinché tutti noi possiamo essere a conoscenza delle bellezze che ospita il nostro Museo Civico, pubblico di seguito il link al sito e gli orari di apertura. Sperando che non resti ignorato ma diventi un arricchimento per noi maglianesi e motivo di visita di Magliano per i turisti.
 

Orari:

Lunedì - Chiusura
Martedì - 9.00-12.00
Mercoledì - 9.00-12.00
Giovedì - 15.00-18.00 (est. 16.00-19.00)
Venerdì - 9.00-12.00
Sabato - 15.00-18.00 (est. 16.00-19.00)
Domenica - 15.00-18.00 (est. 16.00-19.00)
Festivi - 15.00-18.00 (est. 16.00-19.00)

http://soi.cnr.it/~iaei/magliano/magliano_index.htm

SABATO 22 SETTEMBRE

 

lunedì 17 settembre 2007

Mille di questi post!

Non sembrerebbe, ma da quando quel lontano giovedì 4 gennaio 2007 abbiamo deciso di tuffarci nella rete con il pezzo "Questione centro storico", sono stati oltre 100 i post pubblicati su Sabinamente. Tantissimi gli argomenti trattati: i giardinetti, le scuole di magliano, i sentieri, la pineta, la riqualificazione del centro storico, l'ostello, l'arsenico, il parcheggio, la piscina, il gonfalone, S. Liberatore, il gemellaggio, la Via Crucis, i ladri, via roma, i costi dell'amministrazione, il dialetto, gli autovelox, l'agrisabina, l'assemblea pubblica, l'emergenza acqua, la festa della birra, il campo sportivo, la festa dell'unità, i vigili urbani, il cimitero ecc. ecc.

Ovviamente, giunti a questo punto, non possiamo che andare avanti e continuare così, cercando di affrontare sempre nuove tematiche e sperando di risolverle insieme.

Dobbiamo però fare dei ringraziamenti. Se siamo riusciti ad arrivare fin qui è sicuramente grazie a voi. Grazie ai nostri primi lettori e commentatori, che nei primi mesi ci hanno dato la forza per andare avanti; grazie a tutti coloro che hanno partecipato al nostro progetto pubblicando post su Sabinamente e proponendo nuove iniziative; in poche parole, GRAZIE A TUTTI VOI, COMMENTATORI E LETTORI, CHE AVETE RESO QUESTO BLOG UN LUOGO PIACEVOLE IN CUI NAVIGARE, FERMARSI E RIFLETTERE, IMPEGNANDOSI PER LA NOSTRA AMATA MAGLIANO.

Affinchè tutto ciò possa proseguire in futuro, invito tutti voi a continuare così, visitando il sito e, perchè no, esprimendo la vostra, con sincerità e convinzione...

...augurandoci, come forse si può dire tra bloggers, mille di questi post!


Sabinamente

sabato 15 settembre 2007

Dearsenificatore: ok al finanziamento

Da qualche giorno ho letto sui manifesti notizie importanti sulla questione del dearsenificatore, ma, ahimè, non ho avuto memoria e tempo per scriverlo. Tenevo comunque a ricordare che, fortunatamente per Magliano e per tutti, è passata la
proposta di finanziamento del progetto per la realizzazione del
dearsenificatore. L'impianto sarà finanziato dalla Regione Lazio.
A tal riguardo ringraziamo le forze politiche che hanno agito con forza e volontà per la realizzazione di un progetto così vitale per tutti i maglianesi.

Niccolò

Sabinamente

Pubblica assemblea sul Cimitero: riflessioni

Ieri sera, in Piazza Garibaldi, si è svolto l'annunciato faccia a faccia tra il sindaco Lini e quello che può definirsi il fronte del no alla privatizzazione del cimitero. Fronte che ha avuto il nostro totale appoggio. Presenti almeno 300 persone. Per maggiori dettagli sulla cronaca dell'evento vi rimandiamo ai giornali provinciali ed al sito maglianoinsieme.blogspot.com.

Noi di Sabinamente teniamo a sottolineare alcuni importanti punti:
Innanzitutto l'importanza che tale occasione ha rivestito per la nostra comunità. La gente, dopo tanto tempo, è scesa in piazza ed è tornata ad interessarsi di politica. Merito anche della presenza del sindaco. Lini non si è nascosto dietro scuse da bambini, quali sono per noi, ad esempio, il "non voler discutere nulla fino a che non c'è qualcosa di definitivo", ma ha affrontato la piazza. Una piazza che ieri sera non si poteva certamente definire "filogovernativa". Male invece ha fatto chi non si è presentato, o meglio, chi non lo ha fatto in forma istituzionale. Se un partito non riesce a trovare il coraggio necessario per partecipare ad un'assemblea con la cittadinanza, o peggio ritiene che questo sia inutile o non necessario, beh, allora c'è da chiedersi cosa sia diventata la politica.
C'è da chidersi se per loro i maglianesi siano solo un affannoso gregge di pecore che ogni cinque anni si reca a timbrare il cartellino. E decidiamo di fermarci qui perchè a breve dedicheremo un post più approfondito alla questione.

Continuando a parlare di ieri sera, noi di Sabinamente vogliamo per l'ennesima volta ribadire il nostro NO all'affidamento dell gestione cimiteriale ad una ditta privata e per di più non maglianese. Una volta che l'amministrazione avrà capito che bisogna strappare la convenzione, siamo pronti a sederci attorno ad un tavolo per far sentire la nostra voce, la nostra proposta. Proposta che può essere riassunta in tale modo:

- lavori di consolidamento e riqualificazione del vecchio cimitero affidati a ditte locali.

- gestione e costruzione graduale del cimitero nuovo da parte dell'amministrazione accendendo un mutuo ammortizzabile col venduto. Crediamo che un cimitero non debba per forza essere sfarzoso e lussuoso ma file di fornetti tutti uguali siano piu' che sufficienti. Quindi costruzione graduale e soprattutto recupero dei vecchi loculi!

- cancellazione di ogni esclusiva sui servizi funerari, ma assoluta libertà di decisione.

PERCHE' SIGNORI COSTRUIRE IN PRIMA TRANCHE PIU' DI TRECENTO LOCULI, DEI QUALI SOLO 65 SOCIALI, SIGNIFICA CHE UNA VOLTA FINITI I POSTI A BASSO PREZZO, LE FAMIGLIE DEI NUOVI DEFUNTI DOVRANNO GIOCOFORZA COMPRARE I LOCULI AI PREZZI ESORBITANTI CITATI IERI SERA!

MI SPIACE, MA NON POSSIAMO PERMETTERE CHE UN TAL DEI TALI, VENGA DA FUORI A FARE I SOLDI SULLA PELLE NOSTRA E DEI NOSTRI CARI!

Ci sembra questo un motivo abbastanza sufficiente per far aderire tutta la cittadinanza al fronte del NO!

Ribadiamo comunque l'importanza del confronto e auspichiamo un ripensamento del sindaco e dell'amministrazione sulla fattibilità e necessità dell'opera nella sua totalità. ma soprattutto sugli oneri economici che graveranno sulla cittadinanza.

PER OGNI CHIARIMENTO, SPECIE SULLA NOSTRA PROPOSTA, SIAMO A COMPLETA DISPOSIZIONE.

Sabinamente

venerdì 14 settembre 2007

VIVERE PERICOLOSAMENTE A MAGLIANO...

L’ estate Maglianese 2007, evaporata senza lasciare alcunché di rilevante o meritevole di memoria, mi ha lasciato dei dubbi:
uno riguarda i dispositivi per la rilevazione della velocita’, acquistati a norma di legge coi soldi delle multe degli Autovelox, che dovrebbero servire a dissuadere le persone a tenere comportamenti pericolosi per l’ incolumita’ degli utenti della strada.
Personalmente, quando ne vedo uno, mi viene istintivo adeguarmi al limite imposto, se per caso lo sto superando, e ritenevo che anche tutti gli esseri senzienti che popolano codeste colline avessero lo stesso istinto…
Sbagliato, ne ho sentiti un paio dire al bar che accelerano per vedere se il contachilometri della propria auto e’ tarato bene! Ma si può essere più idioti?
(a proposito, occhio quando circolate, ci sono altri tre idioti, uno con una Punto bianca, uno con una Golf blu scuro e un’ altro su un’ Alfa nera che hanno preso Magliano per una pista. ndr)
Un’ altro dubbio stradale; quando salgo in moto la prima cosa che faccio e’ indossare il casco, ma non perche’ si deve aver paura delle multe, ma perchè TI SALVA LA PELLE!
Ebbene, con tutto il caldo di questa Estate, praticamente per Magliano lo indossavo solo Io! Vecchietti in sella che circolavano tranquillamente, ragazzi in due (su alcuni modelli e’ consentito) senza casco, addirittura un pomeriggio stavo parcheggiando in Piazza Garibaldi quando e’ passata una donna in scooter, ovviamente senza casco, che tranquillamente ha salutato i Vigili Urbani in servizio presenti!
Ma come, mi chiedo, sono stati applicati così tanti dispositivi di rallentamento per tutelare gli utenti della strada, ma si continua a lasciar girare le persone senza il più elementare e sicuro strumento che salva vite ed evita ferimenti che possono invalidare un’ individuo a vita?!
E ancora, auto contromano in viale S. Lorenzo per evitare il senso unico di via Roma, e rischio di incidenti in ogni momento al bivio di viale XIII Giugno (Foriporta), a causa di una svolta non dotata di adeguata segnaletica verticale!
Ne ho parlato alcuni giorni fa coi CC in servizio presso la Caserma di Magliano, i quali, avendo un vasto territorio da vigilare a causa dell’ intensificarsi del fenomeno dei furti in zona e di altri fatti legati ad altre attivita’ illegali più meritevoli di attenzione, e a causa inoltre del loro organico che permette una sola pattuglia a turno nelle 24 ore, non possono certo essere ovunque, ma assicurano comunque il loro continuo impegno alla prevenzione e alla repressione di tutti gli illeciti da loro rilevati.
Allora, ci sarebbero i vigili urbani… Non sono essi organo deputato principalmente alla viabilità urbana? Non dovrebbero fare più prevenzione? Potremmo tirare in ballo anche i due ausiliari del traffico, ma, da una delle ultime sentenze della Cassazione, e’ stato stabilito che essi debbano occuparsi esclusivamente di divieti di sosta.
Possiamo capire anche che, in un paese dove tutti si conoscono, elevare contravvenzioni colpendo un modo di fare ormai divenuto prassi come, appunto, il mancato uso del casco, possa avere effetti impopolari per gli operatori, ma il lavoro lo hanno scelto loro…..
Ergo auspichiamo che l’Amministrazione Comunale istruisca i propri Dipendenti affinché applichino le norme atte a salvaguardare l’ incolumità delle persone, e non solo a rilevare quelle infrazioni al Codice della Strada e ad altre leggi che permettono di fare cassa, prima che qualcun’ altro si faccia male seriamente!

PAOLO TRONATI

PS.: quanto sopradetto viene riportato esclusivamente per un fatto di coscienza personale, in quanto durante la mia esperienza lavorativa, ho assistito purtroppo a gravi incidenti, evitabili con delle semplici accortezze da parte di chiunque circoli per la strada.
Non e’ affatto facile telefonare o recarsi a casa di persone i cui familiari sono rimaste vittime di sinistri stradali per comunicare tale notizia….

giovedì 13 settembre 2007

Statuto e Sabinamente.info

Sabinamente ha il piacere di comunicarvi che abbiamo pubblicato lo statuto dell'associazione e soprattutto che abbiamo creato la prima bozza del sito Sabinamente.info!
Con questo sito (il link è al lato destro della pagina) abbiamo intenzione di pubblicare in rete quanto più materiale possibile su Magliano Sabina. Per questo, come specificato nel sito, abbiamo bisogno di voi. Abbiamo bisogno del vostro contributo per poter raccogliere documenti, storie, poesie, modi di dire, proverbi maglianesi, foto, racconti, ecc. ecc.!

Per ora abbiamo pubblicato il nostro statuto, e un interessantissimo documento su "S.Liberatore nella storia di Magliano", gentilmente concesso dalla parrocchia di Magliano Sabina.

Abbiamo messo a disposizione i nostri indirizzi email per poter ricevere il materiale.
Ovviamente, ogni vostro contributo permetterà di allargare questo nostro "archivio maglianese online". Facciamo entrare Magliano a pieno titolo nella rete!

Politica. In che senso?

Cosa significa politica?

La parola "politica" può avere 2 accezioni:

1) politica delle cose. In questo senso la parola "politica" è intesa nel suo significato etimologico di "interesse per la polis", per la città in cui vivi. In questa accezione ognuno esprime giudizi e riflessioni, partecipa a iniziative condivise per migliorare la condizione generale dei consociati.

2) politica partitica. E' il senso più utilizzato e meno attinente al termine originario greco.
Con esso si intendono tutti quei meccanismi (e spesso anche sotterfugi) per accaparrarsi il controllo del potere nel sistema.

Orbene, come chiarimento a qualche confuso, Sabinamente si attiene alla prima accezione.
Sabinamente è associazione, non partito. Come tale rifletterà sui problemi di Magliano, esprimerà una propria idea, farà le sue proposte, prenderà parte a iniziative. E se questa idea è supportata da altri gruppi collaborerà con loro, ma mai dimenticando la propria essenza.

Diceva Aristotele: "Ton physei e polis esti, kai o anthropos physei politikon zoon (la polis è una delle cose che esistono per natura e l’uomo è per natura un vivente ‘politico’).

Niccolò

Sabinamente ringrazia

di RAFFAELLA DI CLAUDIO (Messaggero Martedì 11 settembre 2007)

Il sindaco Angelo Lini ci sarà. Venerdì sera (alle ore 21) in Piazza Garibaldi, il primo cittadino di Magliano Sabina non rifiuterà l'invito a confrontarsi sull'ampliamento e sulla privatizzazione del cimitero, davanti ad un pubblico che si prevede numerosissimo. Lini accetta, dunque, la "sfida" lanciata da Magliano Insieme, Sdi, Verdi, Udc, Rc e Sabinamente, anche se non vede di buon occhio la lettura competitiva del confronto. "Se deve essere una sfida - commenta - allora è inutile farlo. Se invece può essere un momento chiarificatore è giusto esserci". Pur senza mai scendere da quel filo di rasoio sul quale rimangono appese la maggior parte delle sue dichiarazioni, sempre attento a non lasciar trapelare qualche certezza di troppo, il primo cittadino maglianese assicura la sua presenza al dibattito. "Come posso non presentarmi ad un incontro, dopo aver formalmente ricevuto un invito scritto a partecipare"? dice col tipico tono ironico. Poi, sbilanciandosi - ma non troppo -, immagina che quella di venerdì "sarà un'occasione per spiegare ai cittadini le posizioni dell'Amministrazione comunale in merito all'allargamento del cimitero". Per fare chiarezza, quindi. "Del resto vuole o non vuole essere - specie nelle aspettative degli organizzatori - un incontro-verità"? Sugli esiti e sui successivi passi da compiere, però, il sindaco non intende sporsi: "l'andamento della serata lo discuteremo sabato mattina". Intanto, a Magliano, il lavoro dei gruppi che hanno costituito il corposo fronte del "no" prosegue senza sosta. Questa sera (martedì 11 settembre ndb) alle 21 Alfredo Graziani e i suoi si incontreranno nella loro sede di piazza Vittorio Veneto in una riunione il cui ordine del giorno sarà totalmente incentrato sull'iniziativa di venerdì. "Anche questa assemblea - ci tengono a ricordare i membri di Magliano Insieme - è aperta a tutti quanti vorranno prendervi parte". E pure i giovani di Sabinamente continuano spediti la "battaglia per la non realizzazione dell'opera" convinti - come dicono e poi scrivono sul loro blog (http://sabinamente.blogspot.com/) - che "la grandezza di un uomo non si misuri tanto in ciò che fa di giusto quanto nel saper tornare il dietro una volta presa la direzione sbagliata".


Sentitamente ringraziamo

Sabinamente

domenica 9 settembre 2007

ADESIONE CONVINTA.




Sabinamente ha deciso di battersi attivamente contro la privatizzazione del cimitero.
A tale proposito vorremmo chiarire alcuni punti.
Innanzitutto vogliamo ringraziare le altre forze aderenti all'iniziativa per aver permesso, forse per la prima volta, che una associazione fatta di ragazzi possa comparire su un manifesto riguardante una tematica tanto importante. Questo, oltre che lusingarci, ci ha dato una notevole spinta propulsiva per essere impegnati e presenti sul territorio piu' che mai. Vorremmo poi ringraziare, a titolo personale, aldilà di ogni connotato politico, Magliano Insieme, specie nelle persone di Alfredo e Antonello.
Sabinamente vuole inoltre precisare che la battaglia sarà esclusivamente politica e volta a impedire una fatto che potrebbe avere dannose conseguenze per il nostro paese.
L'obiettivo che ci siamo prefissi noi ragazzi, come credo anche le altre organizzazioni, è quello di impedire che un aspetto così personale e delicato dell'esistenza umana, come la morte, possa essere equiparato a "merce", e di conseguenza venduto e inserito all'interno di un libero mercato.
Se si riuscisse ad impedire che ciò avvenga non staremmo di certo a cullarci negli allori della vittoria.
Come detto, tale fatto ha, a nostro avviso, una gravità tale, che la cosa più importante risiede nella sua NON realizzazione. Saremmo sinceramente contenti se l'ammnistrazione tornasse sui propri passi, pronti a congratularci con loro per aver capito che l'impresa in cui intendevano imbarcarsi era sbagliata e assolutamente non condivisa dalla popolazione.
Siamo dell'idea che portare avanti un'iniziativa esclusivamente per partito preso sia assolutamente nocivo e sbagliato.
Crediamo che la grandezza di un uomo non si misuri tanto in ciò che fa di giusto, quanto nel saper tornare indietro una volta presa la direzione sbagliata.



I ragazzi dell'associazione culturale SABINAMENTE.

GIORNATA DELL'ANZIANO, POLEMICA COSTRUTTIVA.

In un precedente post avevamo detto la nostra riguardo la giornata dell'anziano.
Il post era critico verso chi da troppo tempo non organizza un simile evento, rivolto pero' alla gioventù.
L'iniziativa però non è a nostro avviso da bocciare in toto,(AVEVAMO CRITICATO PIU' CHE ALTRO ALCUNI PASSI DI UN DOCUMENTO DIVULGATO PRESSO I COMMERCIANTI) e forse abbiamo trovato il modo di coinvolgere anche la gioventù. Vi spieghiamo come.
Uno degli scopi della nostra associazione è quello di mantenere vive le tradizioni del nostro paese e soprattutto divulgarle.
abbiamo dunque deciso, previo invito, di fare da ciceroni alle comitive di anziani che giungeranno nel nostro centro per raccontargli cosa è stata Magliano, partendo dai suoi monumenti e dai suoi "luoghi" piu' importanti.
Per questo cerchiamo quante più persone possibili, gente che vuole bene a Magliano disposta a raccontare, per un paio d'ore ad un po' di "forastieri", quanto è bella la nostra cittadina.

Se vuoi aderire lascia un contatto a questo post.

sabato 8 settembre 2007

MAGLIANO RICCA E LIBERA

RENDIAMO NOTO A TUTTI I MAGLIANESI CHE UN NUOVO MOVIMENTO E' NATO A MAGLIANO,
LO TROVATE ALL'INDIRIZZO: www.maglianoriccaelibera.blogspot.com

Grazie a Sabinamente per lo spazio gentilmente concesso.

Postato da MRL


giovedì 6 settembre 2007

grazie al casello...

"I rapitori del piccolo Jacopo sono usciti al casello di Magliano Sabina..."
No tranquilli, non vedrete la nostra cittadina sulle prime pagine dei giornali domattina.
Cio che ho scritto è parte della trama della prima puntata della nuova serie di DISTRETTO DI POLIZIA 7.

Non è la prima volta che finiamo tra le onde dell'etere televisivo però.
Anche se spesso il motivo è l'appartenenza alla rete autostradale nazionale (cito il mitico amitrano nella storico bianco rosso e verdone), oppure paragoni non certe lusinghieri, come la leggendaria frase di don buro (de sica) in vacanze in america: "aho ve porto nella death valley mica a Majano Sabbina"

C'è anche una chicca radiofonica. su radio dejaay infatti, un improbabile comisario mauro belli veniva al nostro campo sportivo comunale per, cito, "riconoscere un cadavere deceduto trovato morto"
...chissa quanto avranno pagato il loculo i parenti del cadavere deceduto...

SE POI AVETE ULTERIORI SPEZZONI DI FILM NEI QUALI COMPARIAMO, O VENIAMO CITATI QUESTO SPAZIO E' A VOSTRA TOTALE DISPOSIZIONE!
Francesco

Incontri: un patrimonio da non perdere

Siamo piacevolmente sorpresi dal piccolo successo che in questo momento il nostro sito sta raccogliendo nell'ambito cittadino, e pensiamo che ciò dipenda anche dall'attività di denuncia che svolgiamo a favore della comunità relativamente agli eventi e alle iniziative più importanti del nostro paese. Tuttavia, a Magliano c'è un'altra fonte, o meglio, "la fonte", che da circa 15 anni ha rappresentato l'unico elemento rilevante di comunicazione degli avvenimenti locali. Da 15 anni infatti il giornale che non è mai mancato nelle case dei maglianesi è sempre stato "Incontri". Ogni mese si è sempre attesa, quasi spasmodicamente, la sua uscita in edicola o il suo arrivo per posta; ogni mese si è sempre letta ogni riga di quel mensile che ci faceva sentire tutti più partecipi della nostra comunità, tutti più maglianesi. Anche coloro, e sono molti, che, avendo lasciato Magliano per lavoro, non hanno rinunciato al piacere di ricevere nel loro nuovo domicilio quel pezzo di paese.
Si rischia però di parlare per il passato, perchè purtoppo gli sforzi fin qui fatti da parte di tutti coloro che si impegnano e si sono impegnati per Incontri possono, per il futuro, essere insufficienti.
Ci giunge notizia che esiste l'eventualità che il prossimo anno Incontri esca solo saltuariamente. Negli anni passati l'impegno di impaginare e "tirar giù" il giornale è stato continuativamente assolto anche e sopratutto da Edoardo Poeta e da Paolo Di Basilio i quali, tra l'altro, grazie alla "gavetta" esercitata negli anni a livello locale, hanno potuto poi affermarsi come giornalisti su testate di maggior importanza. Questo, a dimostrazione di come anche realtà locali come "Incontri" riescano a fornire quel supporto e quell'esperienza necessaria per spiccare salti nella quotidianità lavorativa.
Come associazione, nel pieno rispetto di quanto essa si propone, estendiamo a chi avesse il desiderio di sperimentare e di confrontarsi seriamente nell'attività di giornalista l'invito di unirsi al gruppo di "Incontri", che con immutata passione, da tanti anni, promuove la sua personale cittadina battaglia culturale.

Niccolò

Don't touch Via Roma


A quanto pare, la proposta di ricostituire il doppio senso di marcia
a Via Roma sembra essere stata scartata.
Non so se è nei piani dell'Amministrazione questo
altro progetto: cambiare il senso di marcia di Via Belvedere per
permettere alle vetture che vengono da Piazza Garibaldi di
andare ai giardinetti o al ponte (come da figura).

In questo caso, l'opera sarebbe fattibile? E soprattutto, cosa
ne penserebbero i Maglianesi? Sarebbe per loro utile?

Niccolò

mercoledì 5 settembre 2007

Anonimato

Abbiamo temporaneamente interrotto la pubblicazione dell'articolo
intitolato "messa per i caduti" perchè non abbiamo rinvenuto la firma.
Invitiamo l'anonimo a comunicarci il proprio nominativo utilizzando
gli indirizzi mail al margine destro della home page.

Una volta firmato, il post potrà essere tranquillamente pubblicabile
e commentabile.

Come abbiamo detto in passato, invitiamo tutti a partecipare scrivendo
proprie riflessioni e idee, ma ricordandosi sempre di firmare.

Un saluto

Niccolò

martedì 4 settembre 2007

Prima riunione dell'associazione Sabinamente

Ieri sera, presso Piazza del Duomo, s'è svolta la prima riunione
dell'associazione "Sabinamente". Presenti una decina di persone,
che ringraziamo per la loro presenza e soprattutto per i loro consigli.

Come già annunciato da settimane, Sabinamente ha deciso di scendere
il campo, mantenendo sempre la rete come perno fisso di riflessione,
ma concentrando le proprie intenzioni sulla realtà, la realtà maglianese.

E' stato presentato lo statuto dell'associazione e l'atto costitutivo,
che pubblicheremo il prima possibile in rete.
Inoltre è stato presentato il progetto: costituire un
gruppo di giovani che abbiano a cuore il bene di Magliano e che,
indipendentemente dalla loro appartenenza politica nazionale,
siano decisi a partecipare attivamente per promuovere il nostro paese.

Sabinamente

lunedì 3 settembre 2007

Almeno un po' di rossore...

La coerenza sembra ormai diventata anche dalle nostre parti un noiso optional da bacchettoni. Prova un po' a ricordare a qualcuno dove stava qualche anno, qualche mese o qualche giorno fa. "Sei un fazioso!", "Prendi gli ordini da quello e da quell'altro!!", "Fai il gioco dell'altra parte!!!", sono alcune delle risposte (edulcorate e messe in maniera educata) che questi professionisti del pensiero ti sputano addosso con il ditino puntato e la voce grossa. Di ripensare a cosa hanno detto e soprattutto fatto in passato non ci pensano neppure un attimo. Mi viene in mente questa specie di homo politicus leggendo gli ultimi commenti - ingiusti ed ingerosi, oltre che pieni di pregiudizio - apparsi sul vostro blog e quelli, altrettanto odiosi, che girano in piazza "a voce" sulla vostra lodevole iniziativa. Ecco, il pregiudizio. E' uno dei più grandi nemici della nostra comunità. Vi hanno già etichettato. E non a caso. La tecnica la conosco benissimo: dire che stai con quello o quell'altro, che sei un "comunista" o un "fascista" per "deleggittimare" i contenuti del vostro blog. Contenuti che si possono condividere o meno ma sui quali sarebbe oppurna una riflessione, un commento e semmai (senza sforzarsi più di tanto...) anche una soluzione. Un confronto, insomma. Ma l'homo politicus ha detto No. Meglio tante polemiche e una bella dose di insulti a Niccolò e Francesco. Ma badate: oggi si insultano e domani si abbraccieranno. Senza nemmeno arrossire. Tanto, come accade da decenni, tutto rimane tra gli stessi (pochi) intimi. Due cervelli che pensano sono merce rara. Specialmente in un posto dove basta una mezza promessa - a volte pure meno di mezza - da parte del potente di turno per accettare di "spegnerlo" o utilizzarlo a mezzo servizio. L'unica tecnica che avete per combattere l'homo politicus maglianese è una educata indifferenza verso di lui. Un esempio, poi tolgo il disturbo. L'ampliamento del cimitero di cui si discute in questi ultimi giorni. Con carte che si mescolano e si rimescolano. Nessuno o in pochi però dicono una cosa. Gli "addetti ai lavori" conoscevano l'intenzione dell'amministrazione di affidarsi ad un privato (che deve avere il suo leggittimo tornaconto) fin dal 2003. Di alcuni dettagli della "bozza" di convenzione già si parlava nel febbraio-marzo 2006. C'è pure un articolo scritto dal sottoscritto sul Corriere di Rieti che facendo riferimento a voci di corridoio dava conto di queste "indiscrezioni". Le ipotesi allora sono due: o le mie fonti hanno poteri preveggenti (nel caso gli consiglierò di acquistare una palla di vetro, magari arrotondano), oppure quella "bozza", o parte di essa, girava già da allora. Non ne sapeva niente nessuno? Vebbè prendiamola per buona. Allora arriviamo a qualche settimana fa. La bozza - che a quel punto se vogliamo fare i puntigliosi è diventata una proposta di deliberazione - arriva in commissione. Anche qui le voci di corridoio davano per immediata la discussione in consiglio. Poi è arrivato Alfredo Graziani che ha deciso di mettere tutto in pubblico. Articoli di giornale, manifesti e prese di posizione. Insomma un polverone, senza il quale - è una mia opinione e va presa come tale - probabilmente sarebbe passato tutto tra il lusco ed il brusco. Ma si metta l'anima in pace Alfredo. Semmai qualcuno dovesse fare retromarcia, come in qualche misura è già avvenuto, il merito non sarà mica il suo. No, che scherziamo! Sarà di qualcuno che dopo 7 anni (sette!) ha capito che fare il consigliere non è solo alzare la mano. Oppure, peggio, di uno dei quei "homo politicus" buoni per tutte le stagioni. Se invece dovesse passare in qualche modo il progetto, giù a quei polemiconi della piazza, del blog o dei giornali. "Non vogliono risolvere il problema del cimitero", "Sui loculi c'è un mercato nero", "Sono buoni solo a discutere, facciano una proposta". Dimenticando che se c'è un problema cimitero, con relativo mercato sotterraneo dei loculi, bisogna fare riferimento innanzitutto a chi ha responsabilità di governo del paese ed è stato scelto dagli elettori per farlo. La minoranza deve fare la minoranza. L'onore e l'onere di fare proposte è della maggioranza. Tornando al discorso della coerenza ho come l'impressione che a forza di applaudire i folgorati sulla via di Damasco alla fine le vere responsabilità su quanto fatto in questi anni non se le prenda nessuno. Vorra dire che la colpa sarà dei polemiconi di piazza o dei giornali per "non aver fatto abbastanza". Pazienza, ce ne faremo una ragione.

PAOLO DI BASILIO

domenica 2 settembre 2007

I giardinetti di Magliano

I giardinetti di Magliano sono un luogo fondamentale per
ciascun maglianese, ma purtroppo, da un po' di anni, vengono
lasciati a sè stessi.
Il laghetto, che un tempo aveva acqua e anche pesci,
oggi è vuoto.
I giochi per bambini, come l'altalena, le molle, sono per
la maggior parte rotti e, i funzionanti, in pessimo stato.
Viene inoltre permesso l'accesso ad alcuni veicoli
per raggiungere l'ostello.
Sicuramente responsabili sono alcuni giovani maglianesi
che, negli anni passati e ancora oggi, hanno distrutto e insudiciato
i giochi dei più piccoli.
Ma per il resto? Possibile che il Comune non si interessi di
riqualificare un'area così importante e così vissuta da tutti i
maglianesi?
Tra l'altro, vorrei ricordare che a Magliano ci sarebbe anche
un altro giardino pubblico, per l'esattezza quello sotto Viadotto
Santa Maria, ma è irraggiungibile: l'erba supera il metro d'altezza.

Niccolò

sabato 1 settembre 2007

Accuse ingiustificate

Niccolò:

Mi rivolgo direttamente al Sig. Gasperini.

Caro Carlo, leggendo i commenti ai nostri post vedo l'intervento di
Magliano Insieme che mi dice che le è stato vietato l'accesso al blog
da parte nostra! Poi vado a vedere sul suo blog e leggo il resto..
E mi cascano le braccia!
Guardi, sinceramente non so come lei possa accusarmi di tutto questo;
non so come possa dire che abbiamo negato l'accesso a un utente.
NOI NON ABBIAMO MAI NEGATO L'ACCESSO A NESSUNO,
e mi stupisce sentire dire queste cose da lei.
Dopo che come tanti altri lettori ha scritto liberamente
il suo articolo grazie all'indirizzo posto a margine; dopo che
liberamente ha scritto i commenti agli articoli;
dopo che non neghiamo a nessuno di scrivere su questo blog, anzi
permettiamo anche agli anonimi di commentare; dopo che con i suoi
commenti ci ha accusato di pregiudizi, di disontestà, adesso
ci dice anche che le abbiamo volutamente negato l'accesso al blog!?
Tra l'altro, mi dica lei, visto che usa lo stesso Blogger, quale opzione
permetterebbe di negare l'accesso al blog?
Guardi, non so più cosa dirle.
Non mi sono mai permesso di accusarla PER NESSUN MOTIVO!
L'ho mai accusata di disonestà?
L'ho mai accusata di pregiudizi?
L'ho mai accusata di mala fede?
L'ho mai accusata di dipendenza politica?
L'ho mai accusata di essere burattino di qualcuno? 
No, mai.
L'ho sempre trattata con rispetto e ammirazione.
Eppure non vedo lo stesso trattamento da parte sua.
E ciò mi rammarica.
Mi sembra che lei si aggangi ad ogni appiglio possibile
(tra l'altro, inesistenti) per accusarci. Ci accusa di averle negato
l'accesso al blog: ma come avremmo fatto? Guardi, il blog
mi si impalla pure a me ogni tanto, ma non mi viene in mente
di accusare qualcuno di hackeraggio.
Ci accusa di non aver descritto l'ovazione da lei ricevuta. Ma quel
post l'ha letto? Ha letto che non abbiamo riportato nessun
intervento dei vari relatori? Inoltre lo scopo di quel post era un altro.

E' ridicolo che mi trovo a dover scriver tutto questo a quest'ora di notte
per rispondere alle sue accuse giustificate  che gettano fango su di noi.
Le ripeto, resto senza parole.

Ebbene, ora che sta leggendo questo post si renderà
finalmente conto che noi l'accesso non lo neghiamo a nessuno.
E spero che si faccia un esame di coscienza su quello che ha scritto
fino ad adesso.

PS: condivido in toto l'articolo scritto da Francesco

Niccolò

PROPOSTA

Anche se è fastidioso dirlo, oggi per fare le cose servono soldi, a volte molti.
Quindi, anche il movimento che sta creando Sabinamente, se veramente vorrà giocare un ruolo centrale sulla scena cittadina avrà bisogno di denaro, in quantità più o meno importante.
Allora la mia idea è questa: si potrebbe creare un circuito commerciale tra tutti gli aderenti al movimento, tra cui produttori, fornitori di qualsiasi genere e quindi sviluppare una sorta di autarchia.
Dopo di che, in forza di ciò, ogni membro sarà tenuto a versare una quota mensile al movimento.
In sintesi l'idea è questa, se c'è un membro di Sabinamente che ha un forno, da chi vado a comprare il pane? Credo la risposta sia ovvia.

Questa è una proposta che potrebbe rendere il movimento realmente indipendente da qualsivoglia ingerenza e permetterle di gestire capitali necessari alla lotta.

Aspetto i commenti dello staff di Sabinamente e dei visitatori, oltre a diverse eventuali idee da discutere.

Postato da www.stirperomana.splinder.com

Sabinamente ringrazia

Non possiamo che ringraziare Paolo Di Basilio per l'articolo
pubblicato sul Corriere di Rieti di oggi, a pagina 7.
Grazie per la chiarezza e precisione nel descrivere la nostra
associazione, le nostre intenzioni e le nostre finalità.
E grazie soprattutto per avere così messo al corrente tutta
la provincia dell'esistenza del nostro blog!


Cordialmente

Lo staff di Sabinamente

insieme per lo sport

proprio perche Sabinamente è un blog che parla di magliano
mi piacerebbe portare l'attenzione su uno degli aspetti
importanti per i giovani....lo sport.
Abbiamo la fortuna nel nostro paese di avere avviate
delle splendide attività sportive e sarebbe piacevole vedere
una sempre maggiore partecipazione.
proprio per questo invito tutti gli atleti che entrano nel blog a
condividere insieme date e luoghi di manifestazioni o
semplici gare sportive...per un paese che collabori e si interessi
delle buone e sane attività che esistono a magliano.

sabina

Gli impegni del Comune di Magliano Sabina



Questo documento, emesso dal Comune il giorno 31 agosto
2007 (cioè ieri), è un invito del Comune riferito a tutti i commercianti.
Per vedere quali sono le richieste del Comune e per scoprire i suoi
prossimi impegni sociali, cliccate direttamente sul documento.

Niccolò
Related Posts with Thumbnails