In Evidenza

domenica 30 settembre 2012

Riapre la scuola, ritorna l'ingorgo stradale

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


sabato 29 settembre 2012

I numeri della Lotteria del Centro Anziani

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

(clicca sull'immagine per ingrandire)

venerdì 28 settembre 2012

Aggredisce nel sonno i genitori per 50 euro

dal sito de "Il Messaggero"


Arrestato dai carabinieri di Magliano Sabina con l’accusa di rapina e maltrattamenti in famiglia. Al fine di sottrarre la somma di 50 euro, aggrediva nel sonno entrambi i genitori, causando loro lesioni guaribili in sette giorni. Sull'uomo è stato emesso, da parte della Magistratura inquirente, un ordine di custodia cautelare. E' stato quindi arrestato e tradotto presso il carcere di Rieti.

mercoledì 26 settembre 2012

I musici e gli Sbandieratori di Pendragon


lunedì 24 settembre 2012

Il video della Polverini sulle sue dimissioni


La Polverini si è dimessa


Ultim'ora: Renata Polverini ha rotto gli indugi e ha deciso di dimettersi. La decisione sarà annunciata in una conferenza stampa annunciata per questa sera. Il passo arriva dopo una giornata in cui si sono rincorse le voci sulle mosse della governatrice del Lazio travolta dallo scandalo sui faraonici fondi per i gruppi regionali. 

Incendio in un'azienda agricola a Fianello

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


sabato 22 settembre 2012

Magliano comune per l'ambiente, migliore della Regione Lazio

venerdì 21 settembre 2012

Al via i lavori per Piazza San Pietro con ciottoli e basalto

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


mercoledì 19 settembre 2012

Riuniti a Magliano il Consorzio dei pastori del Lazio



Grande partecipazione a Magliano Sabina per la prima riunione in provincia di Rieti della Co.pa.l., il consorzio dei pastori del Lazio fondato un mese da Coldiretti per espressa volontà del direttore di Coldiretti Lazio, Roma e Rieti Aldo Mattia. I produttori del settore ovicaprino si sono ritrovati presso l’agriturismo gestito dal presidente di Coldiretti Rieti Enzo Nesta. Ovviamente era presente anche il delegato provinciale reatino Ivano Capannini, mentre da Roma, sono arrivati il presidente del consorzio Mauro Delfini e il responsabile Roberto Vinci. L’incontro è servito per chiarire tutti gli aspetti inerenti la Co.pa.l.. Il nuovo consorzio, che non ha fini di lucro, si pone come obiettivo la commercializzazione dei prodotti del mondo della pastorizia. “Tramite una forte azione del direttore Mattia sul Comune di Roma – ha spiegato il presidente Delfini – Coldiretti è riuscita, tramite un apposito bando, a introdurre nelle mense scolastiche prodotti a chilometro zero, come la ricotta romana Igp, l’abbacchio di Roma Igp e gli agnelli provenienti dalla regione: una prima stima parla di diverse migliaia di capi da fornire alle mense”. “Questo – ha proseguito Delfini – deve essere il modello da replicare anche nelle altre province del Lazio e a Rieti, tenendo ovviamente conto delle tipicità dei vari luoghi”. “Questa azione – è entrato ancor più nel dettaglio Vinci – è sostanzialmente uno strumento economico che vogliamo mettere in mano ai produttori ovicaprini, in modo che riescano così a togliersi dalla morsa dei commercianti, che guardano solo al loro profitto e non hanno a cuore le esigenze degli allevatori del settore”. Il presidente di Coldiretti Rieti Nesta ha invece sottolineato come l’iniziativa sia “una grossa conquista di Coldiretti”. “Bisogna crederci – ha esortato i presenti – perché la strada intrapresa porterà grossi frutti ed eviterà a molti produttori di soccombere nelle spire della crisi”. “La nascita della Co.pa.l. – ha puntualizzato il delegato Capannini – porta con sé un doppio incentivo: combatterà l’abbandono delle campagne e il depauperamento del patrimonio zootecnico e anzi permetterà ai produttori di aumentare il numero dei capi allevati”. Soddisfatti i presenti che hanno avuto modo di conoscere nel dettaglio il nuovo consorzio e chiarire ogni dubbio soprattutto dal punto di vista organizzativo della nuova “struttura”. In contemporanea è partito il tesseramento dei soci e nei prossimi giorni inizierà anche nella provincia di Rieti la campagna promozionale. Per tesserarsi basta rivolgersi a uno dei sette uffici della Coldiretti distribuiti sul territorio provinciale (Rieti, Amatrice, Leonessa, Borgorose, Poggio Mirteto, Fara Sabina, Magliano Sabina).

lunedì 17 settembre 2012

Rieti non ha scampo: con Viterbo, nella Tuscia Sabina

Secondo alcuni paragrafi del Vademecum pubblicato dal Governo, la Provincia di Rieti è destinata all'unione con Viterbo, poiché il riordino deve essere effettuato all'interno dei confini regionali (escludendo, almeno per ora, l'opzione Terni-Umbria). La provincia altolaziale potrebbe attrarre alcuni comuni della periferia nord della Capitale, non intenzionati a diventare un municipio di Roma.



"Il riordino non può comportare l’accorpamento di una Provincia con una o più province destinate a diventare città metropolitane": quindi la Provincia di Rieti non può unirsi con la Città metropolitana di Roma.

""Non si consente alla Provincia di raggiungere i requisiti minimi richiesti con l’aggregazione di altri comuni, in quanto i requisiti devono essere posseduti dalla Provincia alla data di adozione della deliberazione del Consiglio dei ministri del 20 luglio 2012": quindi la Provincia di Rieti non può pensare di sopravvivere andando a cercare comuni nella periferia di Roma.

"Il territorio delle Province destinate a divenire Città metropolitana potrà ampliarsi con l’adesione di nuovi comuni": quindi alcuni comuni ora fuori dalla Provincia di Roma potrebbero chiedere di far parte della futura Città Metropolitana, così come è previsto che alcuni comuni della Provincia di Roma potranno uscire dalla costituenda Città, andando verso le nuove province confinanti.


domenica 16 settembre 2012

I "Nomi" di Magliano

Albani, Arigliano, Bosco, Botti, Cencelli, Einaudi, Federico da Montefeltro, Ferrari, Pagliani, Pagnani e tanti altri. Sono i nomi, anzi, i cognomi famosi di Magliano. Per i quali forse è giunto il momento del giusto riconoscimento.
Come è accaduto per Emidio Pulifici, fondatore delle Officine Pulifici, a cui oggi è intitolata una via; oppure Tito Oro Nobili, politico socialista, antifascista e partigiano, consigliere comunale di Magliano Sabina, membro dell'Assemblea Costituente della Repubblica Italiana e Senatore della Repubblica anche egli con una via del nostro paese che ne ricorda la storia.
Ma potrebbe esserci posto anche per altri. Pericle Pagliani nato a Magliano il 2 febbraio del 1883, podista, campione e primatista italiano sulle lunghe distanze, partecipò alle Olimpiadi di Atene del 1906 e di Londra del 1908: non meriterebbe forse il ricordo nella toponomastica del campo sportivo?
O Giulio Einaudi, figlio del Presidente della Repubblica Einaudi, editore e fondatore dell'omonima casa editrice, morto a Magliano Sabina - nei cui dintorni visse - il 9 aprile 1999, non meriterebbe memoria presso le scuole o la biblioteca comunale?
E Bosco, San Giovanni Bosco, fondatore delle congregazioni dei Salesiani e delle Figlie di Maria Ausiliatrice, rettore del Seminario di Magliano Sabina, non potrebbe essere ricordato in una via nei pressi del seminario, o dell'oratorio parrocchiale?
Queste sono soltanto alcuni nomi dei tanti personaggi che hanno un legame con il nostro paese. Ma ce ne stanno tanti altri, come ad esempio Papa Giovanni Paolo II, che è stato a Magliano il 19 marzo del 1993. Quindi, lanciamo questa proposta, sperando che possa trovare terreno fertile: intitoliamo le nostre vie, vicoli, piazze a questa gente. In fondo, Magliano è tale anche grazie a questi personaggi che vi hanno lasciato il segno nel passato.

Don Bosco
Tito Oro Nobili
Federico da Monte
Pericle Pagliani
Gino Pagnani

Annibale Albani
Nicola Arigliano
Cardenio Botti
     
Valentino Orsolini Cencelli
Papa Giovanni Paolo II
Franco Ferrari
Giulio Einaudi

sabato 15 settembre 2012

Marini: analisi convertito in prelievo e radiologia ai privati

dal sito de "Il Corriere di Rieti"




venerdì 14 settembre 2012

Provincia Sabina: un progetto contrario alla legge


Proposta la Provincia dei Sabini, senza Viterbo


mercoledì 12 settembre 2012

Piacere, le Biblioteche

Comunicato Stampa:

Nell’ambito di “Piacere, le Biblioteche!”, progetto finanziato dalla Regione Lazio,  il Sistema Bibliotecario Bassa Sabina – Unione di Comuni della Bassa Sabina, la Biblioteca comunale, il Centro ricreativo anziani, l’Archivio storico comunale e l’Associazione Culturale “Antonio Piazza”, hanno presentato, venerdì  7 settembre 2012 alle ore 16.30, presso la Biblioteca comunale di Magliano Sabina, l’iniziativa culturale “Gli anelli della Memoria”. Tale manifestazione si è svolta nell’ambito dei festeggiamenti del trentennale del Centro Ricreativo anziani  di Magliano Sabina.
Alle ore 16.30 è stata inaugurata la mostra fotografica “IL NOSTRO '900” - Archivio fotografico comunale - Fondo "Lorenzo Ballanti". Alle ore 17.00  per “Parole e letture” da GUERRA SENZA EROI di Guido Poeta, è intervenuto l’autore e sono stati letti alcuni brani. Alle ore 18.00 è stata presentata l’anteprima del libro LA CONTA DELLE STAGIONI -  La civiltà contadina nella prima metà del XX secolo a Magliano Sabina - di Claudio Tondinelli. La presenza dell’autore e la lettura di alcuni brani hanno suscitato un grande interesse ed un’ampia discussione.
Le letture sono state eseguite da Riccardo Coratella e da Caterina Placidi che ha coordinato l’evento, a cui ha partecipato un folto pubblico e tra gli altri, l’Assessore alla Cultura Ernesto Pagliani e il Presidente del
Centro Ricreativo anziani Luigi Biscetti. Si ringrazia Annalisa Eroli per la gestione delle immagini





Alcuni scatti di "Parole e Letture", nel corso del quale si è svolta l'anteprima del libro LA CONTA DELLE STAGIONI di Claudio Tondinelli.

Comuni romani, con Rieti o con Roma?

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


martedì 11 settembre 2012

Gli agricoltori accorpano le sedi di Rieti e Viterbo

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


lunedì 10 settembre 2012

Radiologia ai privati al Marini?

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


Cancellando la provincia, l'ospedale di Rieti è declassificato

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


domenica 9 settembre 2012

Gente di Magliano: Tritolo

Per la rubrica "Gente di Magliano", eccoci giunti ad un nuovo appuntamento con Paolo Urbanetti, ed il suo Allevamento "Tritolo". Oggi, in queste domande, vogliamo conoscere meglio come nasce e cresce questa passione per i cani.


1) Come nasce questa passione?
Allevare e vivere con i cani e` la mia piu` grande passione, la vera e pura passione, quella che non ti fa mai stancare e che la notte non ti fa dormire, con la speranza che arrivi presto l`alba. L`amore per i cani si e` poi legato ad un`altra mia passione che e` quella per la caccia, ereditata da mio nonno per primo, poi da mio padre e da i miei zii. La caccia pulita, quella fatta piu` che altro per vedere lavorare il cane, con la sua voglia di cacciare, divertirsi, correre; fatta di passeggiate per i boschi e per le paludi, di risate tra amici e grigliate sul campo quando la fame arriva.

2) Quanto tempo ci dedichi al giorno?
Alleno i miei cani quasi ogni giorno, nelle mie zone, nelle riserve e in Polonia. In tutto cio` c`e` molta fatica, ma che è ben ripagata dal punto di vista morale.


3) Perché hai scelto i Setter ed Epagneul?
Per l'esercizio di caccia ho scelto prima di tutto il setter inglese, grande galoppatore instancabile, forte naso e senso del selvatico, ottimo fermatore, cane docilissimo; per poi avvicinarmi anche all`Epagneul Breton, anch`esso grande cane da ferma, sempre in cerca d`emanazioni, grande riportatore.

4) Come promuovi questa tua attività nel territorio e come entri in contatto con gli interessati?
La mia attivita` cerco sempre di promuoverla con il passa parola, cioe` praticando questo "lavoro" sempre con la massima serieta` e correttezza in modo di salvaguardarmi sempre la faccia: intendo dire che se con un tuo cliente ti comporti come si deve, vendendo a lui un ottimo soggetto, speri che magari parli bene del tuo allevamento mandandoti altra gente. Poi anche internet e` un ottima pubblicita`. Inoltre, faccio qualche gara in giro in modo da allenare i miei cani ma anche per farmi conoscere.


5) Quali sono le disponibilità del tuo allevamento, e dove si trova?
Ho sempre disponibilita` di cuccioli figli di ottimi genitori e anche soggetti pronta caccia o avviati. L'allevamento e' immerso nel verde della collina chioranese in vocabolo Chiorano 34/B, Magliano Sabina.

www.allevamentotritolo.com
http://www.facebook.com/paolo.allevamentotritolo

sabato 8 settembre 2012

A Rieti sperano di allargarsi verso la Sabina Romana

Alcuni sperano di salvare la provincia di Rieti allargandosi verso la Sabina Romana: l'ipotesi, che potrebbe anche verificarsi laddove i comuni a nord di Roma diano il loro assenso, appare però un suicidio politico ed economico per Rieti e dintorni. Hanno forse pensato a quale tipo di provincia si darebbe il via? Nascerebbe un ente tutto spostato verso Roma, con oltre 250mila abitanti concentrati in soli otto comuni nella periferia di Roma: Capena, Fiano Romano, Monterotondo, Mentana, Fonte Nuova, Guidonia Montecelio, Palombara Sabina, Tivoli. Inoltre, Guidonia vanta, da sola, una popolazione di 85mila abitanti, quasi il doppio di quella di Rieti. Che forse non rivendicherebbe il ruolo di capoluogo, anche in ragione del fatto che intorno ai propri confini comunali risiederebbero oltre il 60% della popolazione di tutta la costituenda provincia?
La domanda è quindi d'obbligo: ma quale interesse avrebbe Rieti a vedersi sfilare di mano il residuo potere politico ed economico della Provincia... di Rieti?
Sarebbe stato meglio per la provincia tutta seguire, a suo tempo, il movimento secessionista di Magliano, per salvare se stessa e Terni in una Provincia autonomia umbro-sabina. 
Sarebbe meglio adesso prendere atto dei cambiamenti a livello nazionale nella riorganizzazione dei territori: l'unione con Viterbo appare obbligata. Se ne prenda atto cercando di costituire un'alleanza per gestire un territorio in maniera autonoma da Roma. E forse, una volta tanto, Magliano potrebbe diventare il centro geografico - e non solo - della nuova aggregazione.




venerdì 7 settembre 2012

Programma della festa dei Nonni e dei Nipoti


lunedì 3 settembre 2012

Nuovo preside a Magliano Sabina

dal sito de "Il Messaggero"


In conformità con quanto stabilito dal calendario scolastico regionale del Lazio, la maggior parte degli oltre 14mila studenti risponderanno al suono della campanella il 13 settembre.

Molte conferme e poche novità sulle poltrone delle dirigenze scolastiche per quanto riguarda le scuole dell’obbligo. Passaggi di testimone al Marconi, dove Anna Rosa Cavallo prende il posto di Ileana Tozzi; alla scuola D’Angeli di Cantalice, dove Angelo Pitorri sostituirà Gabriella Serva e all’istituto di Magliano Sabina che sarà affidato a Teresa Principessa.
Per il resto non ci sono variazioni in cabina di regia: confermate le dirigenze di Fara Sabina (Ileana Tozzi), Minervini (Carla Felli), Villa Reatina (Ercole De Rossi), Mannetti di Antrodoco (Maria Vincenza Bussi), Torri (Elia Gaglione), Pascoli (Liviana Bolognini), Galilei (Riccardo Appolloni), Ricci (Domenica Pedica), Poggio Mirteto (Renato Romano Renzi), Borgorose (Marcello Ferri).

domenica 2 settembre 2012

Vigili del Fuoco: per ora nessun distaccamento a Magliano, meglio a Poggio

dal sito "Rietinvetrina"


Nella mattinata di venerdì 31.08. c.a. la segreteria provinciale Conapo vigili del fuoco di Rieti nelle figure del Segretario Andrea Faraglia e Tesoriere Daniele Pasqualoni, sono stati ricevuti al Palazzo di Magliano Sabina dal Sindaco Alfredo Graziani, in seguito alla lettera inviata il 24.08 c.a. con all’oggetto “reclutamento di personale per apertura distaccamento volontari a campana dei vigili del fuoco. La premessa è stata dice Faraglia: il Conapo non è contro i volontari, ma contro il Volontariato, poi la discussione si è subito incentrata e non poteva essere altrimenti sulla qualità del dispositivo di soccorso fornito ai cittadini, che deve essere prerogativa e non alternativa, affermano Faraglia e Pasqualoni, sottolineando che la componente volontaria deve fungere da supporto e ausilio alla componente permanente e non in sostituzione, vista la scarsissima preparazione che hanno a fronte di un corso di 120 ore che al lordo, tolte lunghe soste, ritardi, si tramutano in circa 80 ore effettive, che poi per effetto di una delle leggi più infelici a nostro parere nell’ordinamento del Corpo Nazionale, li colloca al pari dei permanenti. Si è affrontato anche la problematica sulla spesa gestionale sia della sede, “che indubbiamente è a carico dell’amministrazione locale” (dove trovano i fondi con i tagli in corso?) delle attrezzature, dei mezzi di soccorso, e dei D.P.I. (dispositivi di protezione individuale) “a carico del Comando Provinciale, il Sindaco ribatteva affermando che per la realizzazione di questo progetto i fondi sarebbero arrivati, e che la spesa gestionale della sede non sarebbe stata poi così onerosa, tuona il Conapo spiegando che vi é una ferma volontà Politica di aumentare le sedi di Vigili del Fuoco Volontari in tutto il territorio Nazionale, dall’altra una palese difficoltà anche a mantenere le attuali Sedi dei Vigili del Fuoco Professionisti, poiché da almeno due anni non vi sono assunzioni di personale permanente neanche sufficiente a coprire il turn over. La discussione continuava, confermando al Sindaco Graziani quanto detto nella lettera precedente che l’idea di aprire un distaccamento volontario nella zona di Magliano Sabina, “non è una buona idea” perché volontariato equivale a precariato, nei vigili del fuoco non è a costo zero, anzi è retribuito ad ore d’intervento al pari della componente permanente ( altro che volontariato), con un esborso da parte del Governo pari a cento milioni di euro l’anno che potrebbero essere razionalizzati per nuove assunzioni, formazione, gestione attrezzature, rinnovo parco automezzi, in buona parte fatiscenti perché risalenti agli anni 80’. Altro motivo afferma Faraglia la posizione geografica di Magliano che la colloca a sud-est del territorio Sabino, ai confini con la Provincia di Viterbo, dove opera il distaccamento permanente di Civita Castellana (VT) che dista circa 10 KM, di conseguenza con tempi di percorrenza in caso di intervento nel territorio Maglianese stimato in circa 10 min., abbiamo fatto notare al Sindaco che la locazione di un distaccamento di VVF volontario in posizione decentrata rispetto a un territorio “la Sabina” ricca di Comuni ad alta densità demografica, l’insorgenza del Polo Industriale nei pressi di Passo Corese, non avrebbe soddisfatto in modo equo il servizio alla popolazione, mentre la postazione baricentrica rispetto al territorio a nostro avviso è Poggio Mirteto, individuata anche dal Governo nel 2005 per effetto del progetto Italia in 20 minuti come sede permanente, dove attualmente si opera 12 ore al giorno tutto l’anno in convenzione straordinario con la Regione Lazio per incendi boschivi. E proprio da qui che vogliamo partire affermano Faraglia e Pasqualoni al Sindaco Graziani, l’apertura del distaccamento Permanente di Poggio Mirteto, rappresenterebbe per tutta la popolazione Sabina il fulcro della sicurezza in termini di soccorso tecnico urgente, per i motivi sopraelencati, soltanto che ad oggi dopo ripetuti solleciti, da parte del Comando VVF di Rieti, e delle OO.SS. maggiormente rappresentative dei VVF, è stato fatto molto poco o quasi niente, dalle Amministrazioni locali, e dalla Provincia, forse un chiaro segnale di denigrazione verso il Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco. In conclusione Il Sindaco Graziani chiudeva la seduta dichiarando che per l’anno in corso il progetto volontari non sarebbe stato istituito per mancanza di personale aderente, per l’indisponibilità della sede che tra latro necessita di lavori strutturali, rimandando il tutto al prossimo anno probabilmente con una tipologia di distaccamento stagionale. Il Conapo ringraziava per la disponibilità prestata alla problematica dei Vigili del fuoco, e si riservava di consigliare al Sindaco di prodigarsi, anche con i colleghi politici, per il bene della cittadinanza promuovendo la professionalità del Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco permanenti, e quindi l’apertura del distaccamento di Poggio Mirteto permanente.

sabato 1 settembre 2012

Per Faraglia i Vigili del fuoco volontari sono fabbrica di precari

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


Related Posts with Thumbnails