In Evidenza

sabato 31 gennaio 2009

Elezioni 2009 - primo atto

dal sito del corriere di rieti

Magliano - Totosindaco: è rebus sui candidati.
Giorni di fermento nelle sedi di partito. Il Pd forse organizza le primarie. La lista civica di Graziani vicina all’accordo con il centrodestra.

Sono giorni di grande fermento nei quartier generali dei partiti, nelle sezioni e nelle sedi delle associazioni maglianesi in vista delle elezioni comunali di giugno. Il Pd, partito del sindaco che, a parole, punta ad un rinnovamento per evitare il trasloco da Palazzo Vannicelli ha fatto partire la marcia di avvicinamento. Dopo mille tentennamenti la scorsa settimana finalmente il direttivo ha iniziato a parlare “di cosa fare”. Per carità, almeno ufficialmente, di nomi non ne circolano e per il momento si è deciso solo di affittare una sede nella centrale piazza Garibaldi per un “loft” alla maglianese e si sono delineate le “regole” che devono portare all'individuazione del candidato sindaco. I nomi? Ufficialmente non circolano ma ufficiosamente le voci di piazza suggeriscono tra i più accreditati Franco Orsini (ex Margherita) e l’ex assessore alla Cultura Anna Bertini. Si sta muovendo molto - non si sa se come candidato o solo per preservare l’area di sinistra - anche l’ultimo segretario dei Ds Claudio Rosi. “Il partito deve stare in primo piano”, va ripetendo da tempo a chi gli chiede qualcosa sulle elezioni. Certo l’area ex Ds, per adesso non sembra disposta a sostenere con facilità un ex Margherita (vedi Orsini) perciò potrebbe uscire dall’ombra un candidato più “caratterizzato” politicamente magari utilizzando le primarie. A naso il copione assomiglia molto a quello che ha portato all’elezione di Francesco Urbanetti a coordinatore del partito un anno fa. I bene informati - anche se dal partito ovviamente si smentisce - dicono che all’interno convivono, quasi da separati in casa, due anime: coloro che vogliono voltare pagina rispetto ai dieci anni di amministrazione “tecnico-politica” targata Lini e chi invece vuole agire in continuità. Una cosa sembra certa: il partito non è più disposto a recitare il ruolo di “seconda fila”. Poi c'è l'incognita del terzo mandato. In parlamento danno per sicura l’approvazione che abolisce il limite di due mandati nei Comuni sotto i 5mila abitanti. Magliano ci rientra anche se i bene informati dicono che Lini non ha avrebbe nessuna intenzione di tentare il tris. Ma in politica specialmente quando c'è di mezzo l'orgoglio, mai dire mai. Una schiarita, è bene dirlo, non arriverà prima di un febbraio. E dall’altra parte? C’è la lista civica “Magliano Insieme” di Alfredo Graziani - che comprende Verdi e Socialisti - che ormai da settimane sta portando avanti, tra alti e bassi, una trattativa per arrivare ad un’alleanza con il centrodestra (Pdl e Udc). Un protocollo era stato già sottoscritto prima della fine dell’anno poi sembrava essere saltato tutto. Dal centrodestra avrebbero infatti proposto il nome di Fabio Di Giamberardino, segretario dell'Udc, come candidato sindaco. Le ultimissime invece danno per vicinissimo l’accordo con Graziani candidato sindaco e tre, non più di tre, esponenti del centrodestra in lista: uno per ogni partito (FI, An e Udc). Se arriveranno all'intesa, sarà una sfida a due contro la lista del Pd. L’unica variabile potrebbe essere la Sinistra Democratica che potrebbe proporre una lista da quella parte sotto il coordinamento di Carlo Gasperini. In ogni caso - all’interno di tutti gli schieramenti - ci saranno vincitori e vinti. E per quest'ultimi ci sarà sempre posto. Magari in Provincia con una candidatura nel collegio blindatissimo di Magliano.Intanto nella vicina Collevecchio oggi alle 17,30 presso il teatro comunale è in programma un incontro promosso dal coordinatore del Pd Mauro Benedetti che farà chiarezza sulla linea del partito dopo che le elezioni primarie sono saltate perché uno dei due candidati indicati non si è detto disponibile alla contesa. Si dovrà decidere come sfidare la lista civica di Enzo Rossi per tornare in Comune.

PAOLO DI BASILIO

venerdì 30 gennaio 2009

Roma capitale e il futuro della provincia di Rieti

dal sito de "Il Messaggero"

Roma Capitale “ammazza” la Regione Lazio? E allora delle due l’una: o Rieti dà pieno corso alla spinta centrifuga già affiorata a Leonessa e cerca la strada per tornarsene in Umbria oppure, spingendo sull’acceleratore verso Roma, va alla costruzione di una città-regione policentrica, la cui area metropolitana ricalchi esattamente i confini regionali. La fantasia applicata alla geopolitica? No, il contributo della federazione reatina dei Comunisti italiani al dibattito in corso di redistribuzione di pesi e misure sullo scacchiere istituzionale laziale, tra federalismo fiscale e Roma Capitale. Due le spinte che mettono a rischio la centralità di Rieti - proviamo a riepilogare il chilometrico documento del Pdci reatino - le grandi manovre in corso a Roma e le manovrine di Melilli, Perilli e Lodovisi impegnati nella nascita di una associazione “Sabina” dove riunire anche quei comuni della provincia romana già legati a Rieti per via dell’Ato.

A parere dei Comunisti italiani anche il disegno di una Provincia Sabina (inglobando Comuni dell’area romana) sarebbe distruttivo per l’unità della Provincia di Rieti, considerato che «il centro nevralgico, il cuore pulsante dell’economia» è ormai scivolato verso la Sabina romana e quindi col tempo «per un semplice motivo di rapporti di forza Rieti non potrà essere capoluogo della futura provincia», col risultato che la città sarà abbandonata al suo destino e alla Sabina non servirà nessun territorio a nord di Osteria Nuova. «Posizioni - replica il candidato Pdl alla Provincia, Costini - che fanno pensare le affermazioni in merito alla politica condotta dall’amministrazione Melilli in Bassa Sabina. Si tratta di errori che ora anch’essi ammetto, parlando di svuotamento di ruoli e poteri che in questi anni hanno colpito il capoluogo e le aree interne per favorire uno sviluppo non controllato e spesso speculativo in quelle zone».
A.L.

giovedì 29 gennaio 2009

Inizio della stagione teatrale

VENERDI’ 30 GENNAIO – ORE 21.00
PER COLPA DI BACCO
di Christian Massas, Giorgio Donati, Jacob Olesen
interpretato e diretto da Giorgio Donati, Jacob Olesen
Sandro Paradisi tastiere e fisarmonica


Bacco, Dio del vino ha invitato il pubblico ad una conferenza-degustazione sul nettare di-vino. Nell’attesa del grande esperto in materia, i suoi assistenti si danno da fare affinchè l’evento sia all’altezza delle aspettative. Si allestisce la tavola, si preparano i bicchieri e le bottiglie, secondo le rigorosissime raccomandazioni del “Capo”: divieto assoluto di svelare gli argomenti della conferenza e ancor più assoluto divieto di assaggio del prezioso nettare. I due personaggi, un po’ clown un po’ ciarlatani, non resistono alle tentazioni e poco alla volta trasgrediscono tutte le regole. Pantomime di storie bibliche si intrecciano quindi con “sbrizi” e stornelli a contrasto, personaggi famosi vengono rappresentati in imbarazzanti situazioni etiliche, attraverso i secoli e al di fuori di ogni regola spazio-temporale.

Abbonamento a 4 spettacoli: intero € 30,00 - ridotto € 25,00
Biglietto: intero € 10,00 - ridotto € 8,00

Le "nuove scuole" sui giornali...

dal sito del corriere di rieti.

Magliano - La scuola raddoppia l’offerta.
A febbraio una grande manifestazione di presentazione. Nuovi corsi da settembre nell’istituto “Pertini”.
MAGLIANO SABINA29.01.2009
L’istituto omnicomprensivo “Sandro Pertini” raddoppia e aggiorna l’offerta. Per il prossimo anno scolastico sarà attivo sia il corso del Liceo scientifico a cui è stata assegnata una specializzazione, sia un istituto tecnico. Specialmente su quest’ultimo punto - dopo lo “scippo” dell’istituto Geometri lo scorso anno - a conclusione di una lunga trattativa, l’istituto ha ottenuto la possibilità di raccogliere le iscrizioni per un istituto tecnico marketing per l’ambiente e territorio. Inoltre per quanto riguarda il Liceo avrà uno specifico indirizzo per arte e territorio. Insomma ciò che era ufficioso da settimane è diventato ufficiale. La scuola superiore di Magliano avrà nuovamente due corsi. La vera novità rispetto allo scorso anno scolastico è l’istituto tecnico. Si tratta di un corso molto simile al vecchio geometri. Anzi per meglio dire si tratta di una delle evoluzioni previste nel nuovo ordinamento scolastico. Rispetto al corso geometri tradizionale ci saranno materie come la gestione dell’ambiente e territorio, la commercializzazione e marketing. Il diploma consente l’accesso a qualsiasi facoltà universitaria o a corsi postdiploma. Gli sbocchi professionali possono essere di vario tipo: gestione aziende edili o agrarie, impiego presso uffici tecnici (pubblici o privati), libera professione, gestione di programmi per la sicurezza aziendale e sul lavoro (legge 626), marketing. Come già accennato le novità non si fermano qui: infatti anche il liceo scientifico ha ottenuto una specializzazione in arte e territorio. Esattamente come era stato richiesto dalla professoressa Cascelli, reggente della dirigenza scolastica del “Sandro Pertini”. La differenza rispetto al Liceo scientifico normale è l’inserimento di materie come la storia dell’arte e del costume, la palestra d’arte (musica, danza, teatro, strumentistica), storia del teatro e dello spettacolo. Lo scopo è potenziare un settore, quello dell’arte e della musica, indubbiamente presente a Magliano, grazie alla presenza della banda comunale, del coro polifonico, delle band musicali, della scuola di musica e di tutto quel movimento culturale che ruota intorno al Teatro Manlio. Per attivare entrambi i corsi a settembre servono però, ovviamente, le iscrizioni. Nello specifico servono almeno 20 studenti per ognuno dei due corsi. Per questo nelle prossime settimane partirà una massiccia campagna per di orientamento rivolta agli studenti delle medie dello stesso istituto Pertini e delle scuole dei territori limitrofi della Sabina ma anche del Viterbese e dell’Umbria. Per febbraio - molto probabilmente il 12 - dovrebbe essere organizzata una grande manifestazione per presentare i corsi. L’amministrazione comunale, anche considerando la contestuale attivazione dei corsi di formazione per cuochi e camerieri che saranno attivati nell’ex ostello, sta cercando di migliorare i collegamenti con i mezzi pubblici. In particolare si sta cercando di ottimizzare i collegamenti con la stazione ferroviaria della metropolitana Orte-Fiumicino di Borghetto per garantire navette del servizio urbano con coincidenze strategiche per studenti in arrivo dalla Sabina romana.
Paolo Di Basilio

---

PENSIAMO CHE SCUOLE ATTIVE E FUNZIONANTI SIANO UNO DEI PASSI PRINCIPALI PER FAR SI CHE IL PAESE VENGA RILANCIATO.
CI SIAMO COME AL SOLITO MESSI A DISPOSIZIONE PER DARE UNA MANO.
SPERIAMO CHE SI LAVORI DAVVERO SODO PER METTERE IN PRATICA TUTTO CIO' CHE DI BELLO SI STA DICENDO.

martedì 27 gennaio 2009

Scientifico musicale e Tecnico ambientale

Saranno due gli istituti superiori di cui Magliano disporrà a settembre 2009, così come approvati dalla Provincia e dalla Regione, in sintonia con i nuovi programmi ministeriali:
- il Liceo scientifico, indirizzo arte e territorio
- l'istituto tecnico, marketing dell'ambiente e territorio
Esattamente come era stato richiesto dalla reggente scolastica e condiviso dal consiglio di Istituto, gli istituti maglianesi cambiano veste al fine di proporre una offerta formativa diversa e più aggiornata rispetto agli istituti del circondario.
Il liceo scientifico, indirizzo arte e territorio, si differenzia dal classico istituto per l'inserimento di materie quali la storia dell'arte e e del costume, la palestra d'arte (musica, danza, teatro, strumentistica), storia del teatro e dello spettacolo. Lo scopo è potenziare un settore, quello dell'arte e della musica, indubbiamente presente a Magliano, grazie alla presenza della banda comunale, del coro polifonico, delle band musicali, della scuola di musica, del teatro comunale e molto altro. I liceo consente l'accesso a qualsiasi facoltà universitaria, corsi di laurea breve e postdiploma, permette una specializzazione nel settore delle arti visive, della musica, del cinema, dello spettacolo, dei beni artistici.
L'istituto tecnico, marketing dell'ambiente e del territorio, si differenzia dall'istituto tecnico geometri per l'inserimento di materie quali la gestione dell'ambiente e territorio, commercializzazione e marketing. Lo scopo di quest'indirizzo è potenziare un settore importate per Magliano, ossia quello della cura e promozione del nostro ambiente e territorio. L'istituto consente l'accesso a qualsiasi facoltà universitaria, ai corsi di laurea breve e corsi postdiploma. Gli sbocchi professionali sono molteplici: impiego presso uffici tecnici pubblici e privati; gestione di aziende edili o agrarie, nonché agriturismi; programmi per la salvaguardia dell'ambiente e della qualità e igiene dei prodotti; programmi sulla sicurezza aziendale e sul lavoro (legge 626); libera professione; pubblica amministrazione e marketing.
Invitiamo tutte le famiglie dei ragazzi di terza media di Magliano e dell'istituto Omnicomprensivo, nonché i ragazzi delle zone limitrofe Magliano, a prendere in considerazione l'iscrizione alle scuole di Magliano, al fine di fornire ai ragazzi una preparazione importante in questi nuovi ambiti del mercato e incentivare le scuole nostrane. Il termine per le iscrizioni è il 28 febbraio.

Niccolò

domenica 25 gennaio 2009

Comitato Pendolari

Riceviamo questa mail nella nostra casella di posta, e con piacere la pubblichiamo.

Buonasera a tutti! Scrivo dalla mail che da ora in poi sostituirà la mia per tutte le comunicazioni del gruppo pendolari. Vi comunico che sono state consegnate al Movimento Consumatori altre 399 firme a sostegno dell'esposto sui disservizi a Trenitalia e Regione Lazio (abbiamo così raggiunto più di 1200 firme!) e presi accordi per poter svolgere la prossima riunione del gruppo pendolari FM1 a Monterotondo:
la RIUNIONE si svolgerà il giorno 7 febbraio 2009 (sabato) presso il Centro Sociale "Il Cantiere" in Via Aldo Moro snc, a Monterotondo Scalo (a 200mt. a piedi dalla stazione ferroviaria), possiamo vederci tutti alle 16.00 all'uscita della Stazione di Monterotondo su Via Aldo Moro (orario riunione 16.00/19.00). E' importante partecipare:
all'OdG:
- proposte dell'Avv. Beatrice Cardarelli relative alle forme statutarie per la costituzione dell'associazione;
- elezione delle cariche sociali;
- confronto sulle iniziative da intraprendere per denunciare lo stato attuale delle condizioni di viaggio sulla linea e continuare ad aggregare i pendolari;
- varie ed eventuali.
Estendete l'invito alla riunione ai pendolari che conoscete..
Un saluto e grazie! (per quanti di Collevecchio e Civita Castellana hanno già ricevuto una mail, questa annulla la precedente per quanto riguarda l'indirizzo mail)
Brunella Sermoneta

sabato 24 gennaio 2009

Notizie dalla settimana maglianese

dal sito settimanamaglianese.blogspot.com
-
"Da lunedi inzieremo a girare per la questua, al fine di raccogliere fondi per la festa, cosi come torneremo a chiedere ai commercianti, agli artigiani e a quanti fossero interessati, la sponsorizzazione per il materiale pubblicitario.
-
DA QUESTE OPERAZIONI DIPENDE LA SORTE DELLA FESTA.
MI RACCOMANDO.
-
un grazie anticipato a nome del comitato.
ps: per quanti volessero contattarci

Riceviamo e pubblichiamo

Pubblichiamo una lettera del comitato dei pendolari, radicato nelle nostre zone e nei paesi limitrofi, affinchè la loro battaglia per un servizio ferroviario migliore sia conosciuta e condivisa.

Buongiorno a tutti! [Come a molti di voi promesso al momento dell'invito, allego alla presente il verbale della riunione svolta il 10, ed il documento presentato da Amedeo Vicinelli nel corso della stessa]. Una notazione da parte mia (credo di interpretare il pensiero di quanti hanno partecipato alla riunione, numerosi, ma percentuale poco soddisfacente se paragonata al numero di utenti Trenitalia insoddisfatti...): è possibile cambiare qualcosa delle nostre condizioni di viaggio solo se ci impegnamo tutti. Tante mani che spingono insieme portano un treno dove vogliono, 1 sola o poche mani, anche quando molto motivate, non spostano nulla...e allora serve poco lamentarsi! So per esperienza personale che è faticoso lavorare per affermare un diritto ma è evidente che chi gestisce la mobilità regionale conta proprio di approfittare della nostra mancanza di tempo, fatica e rassegnazione, quindi: non diamogliela vinta! Partecipate alle prossime riunioni e proponetevi ed attivatevi come risorse utili a diffondere e pubblicizzare le attività di denuncia dei disservizi e l'esistenza del gruppo dei pendolari. Un saluto a tutti!

Brunella Sermoneta

mercoledì 21 gennaio 2009

Il centro anziani c'è. E il centro giovani?

Ennesima lamentazione giovanile. Ma per i giovani a Magliano cosa c'è? Magliano, ahimè, s'è dimostrata poco propensa a puntare sui giovani, se non quando i giovani hanno deciso per proprio conto di puntare su sè stessi (realizzando in proprio qualcosa). Il centro anziani esiste, fornisce un servizio importante per la popolazione, ma poi? A volte, paradossalmente, le uniche stanze pubbliche disponibili per i giovani che ne richiedono l'utilizzo sono solo al centro anziani! I luoghi di ritrovo per giovani a Magliano esistono, ma solo grazie all'interesse del privato. Il bar c'è, il pub c'è, e per fortuna, altrimenti non immagino come si sarebbe potuta manifestare l'insofferenza dei ragazzi! Ma l'ente pubblico quando ha avuto interesse a creare un punto di ritrovo per i giovani? La domanda è retorica, ed anche l'eventuale risposta di qualcuno lo sarebbe, se avvenisse all'interno di un programma elettorale. Eppure gli spazi per garantire un qualche minimo punto di ritrovo ci sono: la fatidica struttura dell'ostello sarebbe il posto ideale per creare un centro giovani in cui i ragazzi di Magliano possono ritrovarsi, proporre incontri, eventi, realizzare manifestazioni e tanto altro. Ma, come sappiamo, quella struttura è destinata ad altri scopi. E vabbè, sarà per la prossima volta. Ma la prossima volta a Magliano i giovani potrebbero non starci più: non puntare sui giovani significa non puntare sul futuro. E questo lo dico non perchè chi parla è giovane, ma per meri motivi anagrafici.

Niccolò

lunedì 19 gennaio 2009

Dite La Vostra

Ci è sempre piaciuto ascoltare la voce dei cittadini, dei nostri amici e compaesani. Questo post serve proprio a questo!

Avete una lamentela da fare, un' osservazione da porre all'attenzione della gente? Volete dire la vostra sulla politica maglianese? Volete ringraziare qualcuno per il suo operato?

Allora siete nello spazio giusto...una sorta di post-forum!
Un piccolo spazio dove proporre temi e far sentire la voce di chiunque.
Noi siamo qua, pronti a dialogare, intervenire, parteciapare.

sabato 17 gennaio 2009

Caso Eurospin al Tar

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

Si annuncia un’altra “primavera calda” per il “caso Eurospin” a Magliano. Parallelamente all’inchiesta della Procura di Rieti per presunti abusi edilizi e abusi d’ufficio - che ha portato al sequestro preventivo dell’immobile - va avanti anche il procedimento amministrativo davanti al Tar del Lazio promosso nel febbraio dello scorso anno da tre imprese maglianesi con interessi nella zona per l’annullamento dell’autorizzazione all’esercizio dell’attività di vendita al dettaglio di prodotti alimentari rilasciata dal Comune di Magliano Sabina alla società che poi ha aperto il supermercato Eurospin. Il 29 aprile dello scorso anno in camera di consiglio i giudici amministrativi negarono la misura cautelare della sospensiva degli effetti dell’atto amministrativo così come richiesto dal legale delle tre imprese (avvocato Umberto Segarelli). Nei giorni scorsi è stata però fissata l’udienza per la discussione nel merito del ricorso. Tutto è fissato per gli inizi di aprile quando i giudici saranno chiamati a decidere se annullare o meno l’atto amministrativo. Nel frattempo però, come noto, quel supermercato, o meglio l’immobile che lo ospita, è finito al centro di un’inchiesta della Procura di Rieti coordinata dal pm Cristina Cambi ed affidata al reparto operativo dei carabinieri di Rieti. Il magistrato, come si ricorderà, ha chiesto ed ottenuto dal Gip Alessandro Arturi il sequestro preventivo dell’immobile a maggio. Poi un mese dopo il provvedimento è stato annullato dal tribunale del Riesame per dei vizi formali ma è stato riproposto ed accettato ad agosto quando il supermercato è stato nuovamente sigillato. Al secondo tentativo il provvedimento è stato confermato anche dal tribunale del Riesame e l’immobile è tuttora sotto sequestro. L'indagine va avanti e sono indagate tre persone - il legale rappresentante della cooperativa che ha costruito l’immobile e due funzionari del Comune - per abuso d'ufficio e violazione delle leggi edilizie. Premesso che si tratta di due tipi di procedimenti diversi, è chiaro che il pronunciamento del Tar sulla vicenda è destinato in qualche modo a “pesare” sull’inchiesta Eurospin oppure su un eventuale processo. Contro questo ricorso si sono costituiti a suo tempo la Coop che ha costruito l’immobile (avvocato Mariella Cari), il Comune di Magliano Sabina (avvocato Mario Rosati) e la società che gestisce l’Eurospin (avvocato Claudio Vitelli). Nel primo “round” ossia la richiesta di sospensiva hanno avuto la meglio quest'ultimi. I giudici respinsero la richiesta di sospensiva considerando che “le eccezioni sollevate dalle controparti necessitano dell’approfondimento tipico della fase di merito posto, peraltro, che le doglianze dalle ricorrenti sono essenzialmente rivolte avverso i permessi di costruire del 2006 rilasciati per la realizzazione della media struttura di vendita” verso i quali, fecero notare, c'erano pendenti altri due ricorsi: uno contro la realizzazione di piazza Aldo Moro (intentato da un'attività commerciale) ed uno, intentato dal Comune, contro la nota regionale del 4 dicembre 2007 in cui la Regione chiedeva al Comune stesso di annullare i permessi a costruire. Inoltre i giudici fecero notare che “la variante al piano di zona, in aderenza alla quale sono stati rilasciati i predetti permessi di costruire, è ancora efficace, non essendo stata raggiunta da alcun provvedimento di annullamento”.

Paolo Di Basilio

venerdì 16 gennaio 2009

PER LA SERIE: IL LUPO PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO!

dal sito http://www.abruzzo24ore.tv/news.php?id=7661 del 09.10.2008

""Produceva compost velenosi per l'ambiente
Fertilizzanti cancerogeni: impianto Ecoest sotto sequestro

Sequestrato l'impianto di compostaggio Ecoest di Montesilvano (PE). L'operazione è stata effettuata dal Corpo Forestale dello Stato, su disposizione della Procura di Pescara, in seguito a sette mesi di indagini che hanno portato alla scoperta di sostanze altamente tossiche nella composta distribuita dall'impresa.Il compost. Definito anche "terricciato", proviene dalla decomposizione e dall' umidificazione di un misto di materie organiche come residui di potatura, letame, scarti alimentari,liquame o erba appena falciata.Nelle industrie il processo di compostaggio viene accelerato, al fine di utilizzare la composta ottenuta come fertilizzante da spargere sul terreno prima dell'aratura.In teoria il suo apporto dovrebbe "migliorare la struttura del suolo e la biodisponibilità di elementi nutritivi".
Evidentemente non è il caso del prodotto venduto dalla Ecoest. Dalle analisi condotte su alcuni campioni del terricciato sotto accusa infatti, è emersa la presenza di elementi nocivi come idrocarburi pesanti, rame, zinco e persino cadmio, un metallo utilizzato largamente nella produzione di pile al nichel, delle sigarette e del fosforo dei televisori.Un pericoloso mix di sostanze che le imprese clienti utilizzavano inconsapevolmente nei terreni e nelle campagne di ben 4 comuni della Provincia di Chieti, dove peraltro si coltivano grano e foraggio.La provenienza. Il fertilizzante cancerogeno, sequestrato dal gip Guido Campli su richiesta del pm Giampiero Di Florio, era ottenuto dal trattamento chimico di rifiuti provenienti da varie regioni: oltre l'Abruzzo figurerebbero anche Marche, Toscana, Molise, Lazio e Campania.
Gli indagati: l'amministratore unico della Ecoest, Massimo Dami, e Cesare Di Nardo, titolare di un impresa di trasporti, avente il ruolo di procacciare i terreni dove destinare i fanghi prodotti.Le indagini. Ancora in fase iniziale, promettono di risalire ai fornitori dei rifiuti, e di identificare quindi le aree da cui provengono i veleni illegalmente utilizzati nel compost. Ma l'aspetto più complesso dell'inchiesta riguarda l'analisi delle conseguenze prodotte dal fertilizzante tossico nei terreni contaminati, sui prodotti coltivati e già distribuiti, sulle persone che lo hanno utilizzato.I rischi. La correlazione tra l'insorgenza di tumori e l'esposizione a sostanze chimiche cancerogene presenti nei cibi che consumiamo e a volte persino nell'acqua che beviamo, è ormai comprovata da lunghi anni di ricerche scientifiche.Risulta pertanto di vitale importanza il controllo sistematico delle sostanze utilizzate nella preparazione del terreno alla coltivazione.

Le autorità. "Questo lavoro", afferma il comandante distrettuale della Forestale Conti, "è dedicato a quelle persone che si ammalano di tumore senza saper perchè, alla loro sofferenza e a quella delle rispettive famiglie". ""


MEDITATE MAGLIANESI, MEDITATE....

e guardate qua:
http://melaverde2007.blogspot.com/2008/05/cosa-stiamo-facendo_08.html

mercoledì 14 gennaio 2009

Corsi per camerieri e cuochi all'ex convento

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

La location per ospitare i corsi per cameriere e cuoco che l’Istituzione Formativa ha deciso di attivare a Magliano è stata scelta. Si tratta dell’ex convento della Madonna delle Grazie, dove nel 2000 sarebbe dovuto nascere un ostello della gioventù ed in seguito un albergo a 4 stelle. Manca l’ufficialità - sulla brochure che pubblicizza i corsi viene indicata Magliano ma non la sede - ma i locali saranno proprio quelli. A confermarlo è Daniele Mitolo direttore dell’Istituzione Formativa di Rieti che nelle scorse settimane ha effettuato un sopralluogo nell’immobile che avrebbe dato esito positivo. Per ospitare i corsi, tuttavia, c’è bisogno di qualche lavoro di sistemazione dei locali.

Raccolta differenziata al 45%?

D. lgs. 152/2006

ART. 205
(misure per incrementare la raccolta differenziata)
1. In ogni ambito territoriale ottimale deve essere assicurata una raccolta differenziata dei rifiuti urbani pari alle seguenti percentuali minime di rifiuti prodotti:
a) almeno il trentacinque per cento entro il 31 dicembre 2006;
b) almeno il quarantacinque per cento entro il 31 dicembre 2008;
c) almeno il sessantacinque per cento entro il 31 dicembre 2012.
2. omissis
3. Nel caso in cui a livello di ambito territoriale ottimale non siano conseguiti gli obiettivi minimi previsti dal presente articolo, e' applicata un'addizionale del venti per cento al tributo di conferimento dei rifiuti in discarica a carico dell'Autorità d'ambito, istituito dall'articolo 3, comma 24, della legge 28 dicembre 1995, n. 549, che ne ripartisce l'onere tra quei comuni del proprio territorio che non abbiano raggiunto le percentuali previste dal comma 1 sulla base delle quote di raccolta differenziata raggiunte nei singoli comuni. [...]

Il nostro comune a che punto è con la raccolta differenziata? Abbiamo raggiunto il 45% di raccolta entro il 31 dicembre 2008? Mi auguro di sì, altrimenti, come scritto nel comma 3, il comune di Magliano, cioè tutti i cittadini, dovrà pagare un'addizionale per il tributo di conferimento dei rifiuti in discarica.

Niccolò

lunedì 12 gennaio 2009

ANCORA SUL CAMBIO REGIONE

Partendo dall'assioma che Noi di Sabinamente reputiamo il Cambio Regione la soluzione migliore contro l'abbandono delle istituzioni provinciali nei confronti di Magliano, memori di quanto scaturito dalla discussione tra i vari gruppi politici nel Forum presso la Sala Consigliare, nelle cui intenzioni vi era quella di indicare uno o piu' candidati MAGLIANESI da eleggere nel consiglio Provinciale, e considerato l'avvicinarsi della tornata elettorale, vorremmo dire agli interessati che

SIAMO ANCORA IN ATTESA DI COMUNICAZIONI IN MERITO DA PARTE DI TUTTI I MOVIMENTI POLITICI.

Perciò, in considerazione di quanto sopra, rendiamo edotta la cittadinanza che, se non arriveranno riscontri a breve, verrà ripresa la raccolta firme, ma stavolta CASA PER CASA, fino a raggiungere TUTTI i residenti di Magliano e avere cosi' il numero ESATTO degli aderenti a tale iniziativa.

Nel frattempo, rimaniamo in attesa, vigili e fiduciosi.

domenica 11 gennaio 2009

Buche pericolose, vigili in campo

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

Il “reportage” dell’associazione Sabinamente sullo stato pietoso delle strade nelle aree intorno alla zona 167, ripreso ieri dal Corriere, ha smosso qualcosa. Ieri mattina, nell’area di viale Veneto Lotti, via Tito Oro Nobili, piazza Aldo Moro e zone limitrofe sono arrivati i vigili urbani che hanno effettuato un sopralluogo scattando anche delle fotografie. Insomma la Polizia municipale si è mossa subito, come avviene di consueto, anche a seguito di numerose segnalazioni di residenti arrivate negli ultimi giorni. Infatti il maltempo sembra aver peggiorato la situazione: alcune buche sono diventate delle vere e proprie falle, pericolosisime per le auto che passano nella via. Inoltre bisogna aggiungere che la carenza di marciapiedi costringe spesso la gente a camminare lungo la carreggiata. Una situazione, come detto, denunciata più volte. Il sopralluogo dei vigili sembra essere una prima, positiva risposta. Sul tema, come si ricorderà, il coordinatore di Sinistra democratica Carlo Gasperini ha lanciato l’idea-provocazione di non pagare la Tarsu nel caso in cui il Comune non intervenga. Intanto si sta pensando anche alla costituzione di un comitato di quartiere (PdB).

sabato 10 gennaio 2009

Sciopero fiscale contro le buche

Ringraziamo l'amico Paolo per aver dato il giusto risalto alla notizia.

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

Strade pericolose, buche, rattoppi e per farsi riparare le strade c’è pure chi pensa, come idea-provocazione, allo sciopero fiscale. Spenti i riflettori, per adesso, sul “caso Eurospin” la zona 167 maglianese - il quartiere che comprende le case popolari, i palazzi costruiti dalle Coop e diverse abitazioni e ville - torna ai problemi di sempre. A rilanciare il tema ci hanno pensato gli indomiti ragazzi dell’associazione “Sabinamente” che hanno pubblicato sul loro blog un dettagliato “reportage” fotografico della zona. E’ stato come alzare il coperchio di un pentolone: infatti il malcontento dei cittadini di quella zona è un fuoco che cova, da decenni, sotto le ceneri. Dopo la denuncia dei ragazzi dell’associazione c’è stato persino chi, come Carlo Gasperini, coordinatore della Sinistra Democratica di Magliano Sabina, ha lanciato la proposta, “fatta come provicazione”, di uno “sciopero fiscale” invitando i cittadini a non pagare la Tarsu (tassa per lo smaltimento dei rifiuti) o l’acqua. La zona in questione, per la cronaca, è una delle più popolose dell’intero territorio comunale: ci sono 9 palazzine dell’Ater con 54 famiglie, il palazzone a semicurva che sorge intorno a piazza Aldo Moro, 2 palazzi della Coop Tevere ’78 costruiti sopra e quelli realizzati di recente, dalla stessa società, vicino all’Eurospin. Poi ci sono piccoli palazzi, ville e abitazioni. In tutto nella zona abitano circa 1000 persone e ci sono diverse attività commerciali (fino a qualche mese fa anche l’Eurospin). Il problema principale è la viabilità: il quartiere è raggiungibile con due stradine tutt’altro che sicure. Una dall’area di fronte all’istituto Comprensivo “Sandro Pertini” scende giù fino al campo sportivo, l’altra dalla Provinciale 54 scende fino a viale Veneto Lotti: è più larga ma sempre inadeguata. Ci passano a malapena due auto contemporaneamente. Tanto che quando è stato sequestrato l’Eurospin uno dei motivi del provvedimento è stata proprio l’inadeguatezza di quella stradina. Ultimamente con le piogge ci sono stati persino dei piccoli smottamenti ed è caduto un albero. Come se non bastasse viale Veneto Lotti - la strada principale del quartiere - è disseminata di buche: dal campo sportivo fino alla nuova piazza Aldo Moro (arredata lo scorso anno dopo 15 anni di attesa). Con la pioggia si riempie di pozzanghere ed alcuni punti della carreggiata si allagano. Per non parlare della situazione di via Tito Oro Nobili dove nella strada si riconosce ancora la traccia delle buche dove passano i tubi del metano (posati nel lontano 1989) e dove ultimamente l’Ater ha persino lasciato un cantiere - aperto e accessibile a tutti - a metà. Poi c’è l’annosa questione dell’eliporto mai completato e diventato un posto estremamente degradato a ridosso delle palazzine. Ed ecco allora che “Sabinamente” lancia - o sarebbe meglio dire rilancia - l’annoso tema dell’urbanizzazione della zona. Ma, come detto, c’è pure chi ha lanciato una proposta più “impegnativa” per smuovere una situazione francamente insostenibile. “Se non provvedono immediatamente a sanare tale situazione - dice Carlo Gasperini coordinatore della Sinistra Democratica - propongo sin da adesso non pagare più le tasse di smaltimento rifiuti e acqua visto che le altre tasse vengono prelevate alla fonte”. Inoltre il coordinatore - che precisa il carattere provocatorio dell’idea - propone di inviare tutte le segnalazioni, oltre che in Comune anche alla prefettura

Paolo Di Basilio

Il comune cerca un assistente sociale

AVVISO DI SELEZIONE PER TITOLI PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PER ASSISTENTE SOCIALE

E' indetta una procedura di selezione per soli titoli per il conferimento di n.1 incarico per assistente sociale da assegnare all’ufficio Servizi Sociali, Area Amministrativa, del Comune di Magliano Sabina “Ampliamento e potenziamento degli interventi sociali a favore delle famiglie”.

Art.1 - Requisiti per l’accesso
In considerazione delle attività da svolgere, sono richiesti i seguenti requisiti, da possedere al momento della presentazione della domanda:
1. Laurea universitaria del nuovo ordinamento in Scienze del Servizio Sociale o in Programmazione e Gestione delle Politiche o dei Servizi Sociali oppure Laurea del vecchio ordinamento universitario in Servizio Sociale, oppure Diploma Universitario in Servizio Sociale, oppure Diploma di assistente sociale cui sia riconosciuto valore abilitante all'esercizio della professione di Assistente Sociale;
2. Iscrizione all’albo professionale degli assistenti sociali
3. Significativa esperienza lavorativa (almeno 5 anni, anche non continuativi) e/o di titolo di specializzazione, documentabile nei servizi relativi al settore socio-assistenziale con particolare preferenza alla materia del segretariato sociale (adulti con disagio, anziani, minori e persone diversamente abili).
Sono inoltre richiesti i seguenti requisiti:
- cittadinanza italiana o di uno dei Paesi membri dell'Unione Europea;
- godimento dei diritti civili e politici;
- non aver riportato condanne penali e non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l'applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;
- essere a conoscenza di non essere sottoposto a procedimenti penali;
- non essere incorso nella destituzione, dispensa, decadenza o licenziamento da precedente impiego presso una pubblica amministrazione.

Art.2 - Presentazione delle domande
La domanda di ammissione alla selezione, redatta in carta semplice, dovrà essere debitamente firmata (pena l'esclusione) e dovrà essere inviata a mezzo servizio postale, con raccomandata con avviso di ricevimento o presentata direttamente, all’ufficio protocollo del Comune di Magliano Sabina, Piazza G. Garibaldi n. 4, Magliano Sabina 02046 (Rieti). Farà fede la data del timbro dell’Ufficio Postale accettante.
La domanda di ammissione dovrà pervenire entro il giorno 15 gennaio 2009.
Tutte le domande pervenute successivamente al termine indicato e le domande non debitamente sottoscritte e integrate della documentazione richiesta saranno escluse dalla selezione.
Alla domanda dovrà essere allegata copia fotostatica di un documento di identità del sottoscrittore.
Nella domanda, i candidati devono dichiarare sotto la propria responsabilità:
a) nome , cognome, luogo e data di nascita, residenza e eventuale domicilio;
b) il possesso dei requisiti di cui all'art.1
Alla domanda dovrà essere inoltre allegato il currriculum formativo e professionale, debitamente firmato, dal quale dovrà risultare:
1) esperienze professionali precedenti inerenti all'oggetto della selezione;
2) eventuali corsi formativi o stages o tirocini a tutt'oggi effettuati, inerenti all'oggetto della selezione.
I dati personali contenuti nella domanda saranno trattati esclusivamente per le finalità connesse all'espletamento della selezione. Il trattamento dei dati avverrà nel rispetto delle disposizioni D. Lgs. 196 - 30/06/2003.

Art. 3 - Prove
La selezione avverrà tramite valutazione dei titoli.

Art.4- Graduatoria
Al termine della selezione verrà redatta una graduatoria per il profilo professionale richiesto.

Art.5) Informazioni
Per la visione del bando e l’acquisizione dello stesso è possibile rivolgersi all’Ufficio Servizi Sociali, Responsabile del Procedimento Sig.ra Alida Poeta, (tel. 0744/91.03.36) o visitarne il sito internet all’indirizzo www.maglianosabina.com
Il presente avviso di selezione viene anche pubblicato sul sito internet del Comune di Magliano Sabina e all’Albo Pretorio.

Magliano Sabina, 30/12/2008

Il Responsabile dell’Area Amministrativa
Rag. Stefano Stentella

BP sociale: conclusione

Completiamo il quadro del Bilancio Partecipato 2008, pubblicando i risultati dell'altra gara che mette a disposizione 10'000 € per la realizzazione di progetti sociali.

Quattro sono state le proposte che hanno superato il giudizio di fattibilità, tra le 13 presentate. Ecco come si sono classificate:

- 1° con 334 preferenze il CENTRO RAGAZZI (6-13 ANNI) CON ATTIVITÀ LUDICO-CULTURALI E SOCIO-RICREATIVE ORGANIZZATE CON OPERATORI

- 2° con 247 preferenze il CENTRO AGGREGATIVO GIOVANILE CON ATTIVITÀ CULTURALI, SOCIALI E RICREATIVE. SPORTELLO DI ASCOLTO PER GIOVANI E FAMIGLIE

- 3° con 60 preferenze l'ACQUISTO AUTOMOBILE PER TRASPORTO PERSONE DISABILI E/O DISAGIATE

- 4° con 16 preferenze il LABORATORIO INTEGRATO PER DISABILI ADULTI NON INSERITI NEL MONDO DEL LAVORO

Questa è la presentazione della proposta vincente, sintesi tra due proposte pervenute presso il comune, e poi unificate perchè ritenute corrispondenti:

“Area bambini – Attività del doposcuola. Occupare i bambini, di età compresa dai 6 ai 13
anni, nel doposcuola con attività varie (ludico – educative) di supporto ai genitori”.
Sviluppare ulteriori capacità e abilità nel bambino; aiutare il bambino con problemi di apprendimento attraverso ripetizioni; ricreare i bambini con attività ludiche coinvolgenti e adattate all’età di ognuno; integrazione dei bambini stranieri.
Mezzi per il raggiungimento degli obiettivi: locale fornito dall’ente comunale o un privato; materiale ludico e libri forniti dalla biblioteca comunale; collaborazione con la scuola per la pubblicizzazione del progetto; attività di computer e lingua straniera; attività di bricolage e lavoretti individuali\di gruppo; organizzazione di feste durante le festività annuali che coinvolgano genitori; incontri periodici con i genitori per lo scambio di informazioni; attività educative attraverso libri, tecnologie varie e ripetizioni; sensibilizzazione a tematiche attuali; eventuali gite per il paese alla conoscenza della nostra storia.
Svolgimento delle attività nei giorni: LUN – MER – SAB dalle 15:00 alle 19:00

Costo provvisorio di 40,00 euro mensili.

“Il gioco della ricreazione. Centro diurno integrato per ragazzi.”
Un laboratorio dove i ragazzi possono essere liberi di creare insieme, mettendoli ad agio in un terreno dove non ci siano le differenze dell’apprendimento e non ci sia necessità del sostegno. Un laboratorio dove l’essenziale è avere idee e la materia per renderle tangibili. Rendere il ragazzo consapevole della spazialità della sua mente, della forza dei suoi sentimenti e della capacità delle sue mani di dare corpo ai pensieri e renderli vivi col calore delle emozioni. Noi ci rendiamo disponibili a riprendere con una nuova programmazione e rinnovata energia l’esperienza del “Centro Giovani”, da anni interrotto, di cui si sente ora più che mai il bisogno per i ragazzi di Magliano. Il lavoro laboratoriale sarà integrato con visite a Musei come le Scuderie del Quirinale, Casina di Raffaello, Explora a Roma, dove vengono proposti laboratori d’arte sulle opere dei grandi maestri italiani. Il laboratorio svolgerà attività nelle ore extrascolastiche e sarà in stretta relazione con l’Assessorato alle Politiche Sociali e l’Istituto scolastico, in particolar modo con il corpo docente. I partecipanti saranno divisi in gruppi secondo l’età, potranno far parte di questo progetto i ragazzi dai 6 anni a 14 anni in poi, per la formazione di una professionalità che miri alla progettazione e realizzazione di opere per le piazze, giardini dei centri urbani. Il progetto dettagliato sarà fornito qualora esso riscuota l’interesse dell’ente promotore del bando e della popolazione di Magliano Sabina.”

giovedì 8 gennaio 2009

BP per le opere pubbliche: conclusione

Vi raccontiamo le vicende che abbiamo affrontato quest’anno in occasione del bilancio partecipato per le opere pubbliche. Cogliamo l’occasione anche per fare il resoconto della situazione.

Come ricorderete a suo tempo (in un vecchio articolo) avevamo promosso come progetto quello della pineta attrezzata con piscina. Avevamo distribuito fogli prestampati per il voto e l'avevamo distribuiti in giro per Magliano affinché chi volesse supportare la proposta potesse farlo. Difatti i fogli per il voto prevedevano soltanto le tre proposte stampate dal comune (Magliano solare, rete wireless, percorsi naturalistici), e noi avevamo interesse acché anche altre idee, compresa quella della piscina, venissero fuori. Nello spazio denominato “altra proposta” avevamo inserito “pineta attrezzata con piscina”. Al termine del tempo prestabilito per la votazione tutti i fogli sono stati raccolti e consegnati al comune per il calcolo. Tuttavia, subito dopo, siamo venuti a conoscenza del fatto che i nostri fogli prestampati erano stati considerati invalidi, perché in poche parole avrebbero potuto “pilotare” il voto (ma lo stesso discorso potrebbe essere fatto anche per le tre proposte del comune). Tra i fogli che sono stati ritirati ci sono anche quelli riguardanti il voto di Niccolò e di Francesco, che non erano voti prestampati, bensì fatti a mano. Tuttavia quei voti non sono nella lista di tutti coloro che hanno espresso il voto (questo il link alla lista, pagina 17 e 18).
Nella prima riunione del bilancio partecipato avevamo chiesto se fosse stato possibile creare dei fogli prestampati da mettere in giro. La risposta è stata positiva. Dunque abbiamo provveduto a fare ciò che c'era stato concesso. Abbiamo distribuito fogli prestampati con selezionata anche la proposta della pineta attrezzata con piscina. Ma come c'è stato successivamente detto, questi fogli non sono validi. Ora, possiamo capire che questi fogli non siano considerati validi (anche se inizialmente era stato affermato che lo fossero), ma non comprendiamo che fine abbiano fatto i voti di Niccolò e Francesco, che avevano votato su fogli "normali" non prestampati.
Comunque, ammesso che vengano contati anche questi due voti, la classifica non cambia. Difatti (questo è il link, a pagina 16) primo si posiziona in modo plebiscitario il progetto "Magliano Solare" con 94 voti, seconda la "rete wireless" con 15 voti, terza con 14 voti (su fogli non prestampati, ovviamente) la piscina, quarti "i percorsi naturalistici" con 12 voti. Inoltre, è già stata fatta la delibera comunale per l'approvazione del progetto vincente, Magliano Solare, per cui ormai non si può tornare indietro.
Riscontriamo tuttavia qualche imprecisione, quantomeno nella redazione dei nomi dei partecipanti (pag. 17). Difatti il 29esimo e 30esimo partecipante sono la stessa persona (a meno che non sia un caso di omonimia; il 37esimo partecipante ha un nome bizzarro (Dell'opera Pubblica).
Comunque, ciò che ci mette l'anima in pace è che il progetto della piscina è stato in ogni caso scartato perché il costo previsto per l'opera supera i 300'000 euro disponibili, essendo valutato il progetto della piscina al prezzo di addirittura 1 milione e 800 mila euro. Inoltre, cosa ancora più influente, il progetto della piscina è stato escluso perché "progetto già inserito dall’Amministrazione Comunale nel programma delle opere pubbliche di cui al D.Lgs. n.163/2006 ed approvato dal Consiglio Comunale. Si tratterebbe quindi di una duplicazione di quanto già in via di attuazione”. Sbadati noi che non ci siamo accorti dell'avvio dei lavori per la creazione della piscina in pineta.
Ma cerchiamo di conoscere meglio questo nuovo progetto in via di realizzazione. Il progetto è Magliano Solare, da realizzarsi presso la struttura dell’ostello. Tra le varie ipotesi previste (c’era anche la possibilità di impiantare la struttura sulle scuole) è stato scelto appunto l'ex convento. Leggendo le informazioni veniamo a conoscenza di come l’analisi per la realizzazione del progetto sia estremamente particolare, precisa e dettagliata, sebbene il tempo disponibile per redigere l'analisi sia stato relativamente poco. Magliano Solare verrà realizzata anche se, come è scritto a pagina 10, i fondi disponibili sono inadeguati per l’autosufficienza energetica della struttura. Difatti l’impianto basterà solo a rendere autosufficiente il piano terra. Il progetto verrà realizzato, si aggiunge, anche se sono disponibili già altri fondi nazionali e regionali per la realizzazione di opere energetiche. Il costo dell'impianto è 290'000 euro, di poco rientrante nei 300'000 euro disponibili. Viene citata anche l'impresa che parteciperà al progetto, una certa Eurosolar. Eppure questo nome non è nuovo. Andando a ricercare nell'archivio Sabinamente, troviamo questo articolo (clicca qui). Quindi, a quanto pare, già dal lontano novembre del 2007 si intendeva concedere la struttura delle Grazie a questa ditta. Oggi è finalmente realizzabile, grazie al Bilancio partecipato per le opere pubbliche.

Niccolò

La zona 167... buche

La famigerata "zona 167", che nei mesi scorsi è stata al centro dell'attenzione degli abitanti di Magliano e di tutta la provincia di Rieti per l'ormai nota "Vicenda Eurospin", torna ad essere oggetto di discussione. Questa volta non sono le vicende giudiziare a destare scalpore, ma le squallide condizioni in cui versa il manto stradale e la zona circostante ad esso. Nel corso degli anni sono state molte le segnalazioni e le lamentele, che si sono alzate in coro, da parte dei residenti del posto; purtroppo al disagio non è mai seguita un'azione riparatoria come nei doveri di ogni Comune che si rispetti. Le ultime abbondanti piogge hanno "segnato il passo" e reso le condizioni dell'asfalto ai limiti della della decenza.

Tanto per essere più precisi la zona che circonda Via Veneto Lotti, la strada principale a cui affluiscono diverse vie, vocaboli e una piazza, è densamente abitata. Sono state contate circa 160 famiglie con una media di 3 persone per nucleo famigliare per un totale di 480 abitanti a cui si debbono aggiungere 3 attività commerciali, le loro rispettive clientele, un impianto sportivo e una via che collega Via V. Lotti alla struttura ospedaliera del Marzio Marini. Il conteggio delle famiglie è stato fatto in maniera approssimativa ma che non si discosta di molto dalla realtà. A questo punto viene naturale chiedersi come mai questa zona venga totalmente lasciata in balia degli eventi, senza alcun tipo di regolamentazione stradale ne la doverosa manutenzione che essa richiede e senza un adeguato sistema di scolo per le acque. I maglianesi che vivono quotidianamente questa situazione sono lasciati in uno stato di arretratezza inaudita. Si dovrà attendere la prossima campagna elettorale per poter avere delle rassicurazioni a riguardo o qualcuno avrà la decenza di ascoltare le voci di centinaia di futuri votanti?

Qui di seguito sono riportate alcune immagini che meglio descrivono la situazione.

Da recenti segnalazioni questa zona non è risultata l'unica a versare in queste condizioni, per questo motivo lo Staff di Sabinamente apre il concorso "LA BUCA D'ORO". Inviateci le foto delle buche più profonde e divertenti all'indirizzo
la più bella e pericolosa sarà scelta e pubblicata sul blog. Naturalmente all'autore come premio una pala e un pò di "riciclato" da poter utilizzare per risolvere il problema, perchè si sa, chi fa da se.....











Mattia.

Stagione teatrale 2009 al Teatro Manlio

VENERDI’ 30 GENNAIO – ORE 21.00
“PER COLPA DI BACCO”
di Christian Massas, Giorgio Donati, Jacob Olesen
interpretato e diretto da Giorgio Donati, Jacob Olesen
Sandro Paradisi tastiere e fisarmonica


Bacco, Dio del vino ha invitato il pubblico ad una conferenza-degustazione sul nettare di-vino. Nell’attesa del grande esperto in materia, i suoi assistenti si danno da fare affinchè l’evento sia all’altezza delle aspettative. Si allestisce la tavola, si preparano i bicchieri e le bottiglie, secondo le rigorosissime raccomandazioni del “Capo”: divieto assoluto di svelare gli argomenti della conferenza e ancor pi. assoluto divieto di assaggio del prezioso nettare. I due personaggi, un po’ clown un po’ ciarlatani, non resistono alle tentazioni e poco alla volta trasgrediscono tutte le regole. Pantomime di storie bibliche si intrecciano quindi con “sbrizi” e stornelli a contrasto, personaggi famosi vengono rappresentati in imbarazzanti situazioni etiliche, attraverso i secoli e al di fuori di ogni regola spazio-temporale.


VENERDI’ 13 FEBBRAIO – ORE 21.00
LIBERTA’ E’ PARTECIPAZIONE”
monologhi e canzoni di Giorgio Gaber
con Gianni D’Addario, Domenico Laddaga,
regia Domenico Laddaga
Gianluca Vecchio chitarra, Simone Iraci piano,
Dario Iaculli basso, Daniele Sergio batteria

Il Signor G non smetterà mai di insegnarci che “libertà non è stare sopra un albero” ma libertà è incontrare il nostro prossimo, condividere le nostre paure, le nostre debolezze, “partecipare” alla vita sociale, culturale e politica del nostro paese. Un paese che troppo spesso ci ha fatto vergognare di essere uomini liberi, che ci ha insegnato ad avere paura della nostra libertà, che ci ha “gentilmente” invitato a chiuderci in casa, a passare intere giornate davanti ad un “rettangolo magico”. A noi semplicemente il compito di trovare un filo conduttore che guidi lo spettatore in un viaggio attraverso un’insieme di musica e tante parole, per scoprire i messaggi, i tanti avvertimenti e le tante sconfitte che Gaber, vivendo le tappe pi. buie e strane della storia, ci ha lasciato in eredità. Un viaggio all’interno di un animo che non ha pi. avuto la forza di volare “perchè il sogno si . rattrappito”. A noi il compito di riscattare questa sconfitta e forse, chissà, di tornare a perdere.

DOMENICA 1. MARZO – ORE 18.00
“ASSO DI MONNEZZA
di e con Ulderico Pesce

Quando il vero asso nella manica dell’Italia è “quello di monnezza”. Perchè l’immondizia smaltita illegalmente arricchisce molto (soprattutto la malavita). La storia di Marietta e della sua famiglia, cresciuta di fronte alla discarica di Pianura in provincia di Napoli. I rifiuti le hanno rovinato la vita, portandole via i genitori a causa di un tumore, e persino l’affetto del marito, colluso con la criminalità organizzata che smaltisce illegalmente sostanze altamente tossiche provenienti dagli stabilimenti industriali del Nord. Asso di Monnezza rientra nel filone del Teatro Civile già percorso da Ulderico Pesce con Storie di Scorie. Il testo è stato scritto in base alla documentazione ufficiale della Magistratura italiana e al Rapporto ecomafie di Legambiente.

VENERDI’ 27 MARZO – ORE 21.00
DECAMERONE
Amori e Sghignazzi
scritto e diretto da Ugo Chiti
con Giuliana Colzi, Andrea Costagli, Dimitri Frosali,
Massimo Salvianti, Lucia Socci, Teresa Fallai, Alessio Venturini
Compagnia Arca Azzurra Teatro

Il sottotitolo recita Amori e Sghignazzi e questo vuole significare la volontà di una riscrittura intenzionata a muoversi sempre in un’alternanza di toni. Lo spettacolo prende a pretesto una delle novelle più squisitamente “boccaccesche” del Decamerone, la vicenda di Masetto che “si fa mutolo e diviene ortolano in un monastero di donne” per innestarvi altre novelle narrate dalle monache con intenti e finalità diverse. Tutti, uomini e donne, in quella grandiosa commedia umana che è il Decamerone di Giovanni Boccaccio, si muovono passando dal comico al tragico con lussureggiante invettiva.

In programma dal 30/01/2009 al 27/03/2009.

Spettacolo di beneficienza: Rap-sodia

Il Club Sabina Tevere anche quest'anno organizza una iniziativa benefica.

Il giorno 11 gennaio 2009, presso il teatro Manlio in Magliano Sabina alle ore 19.00,
è in programma lo spettacolo di beneficenza:

"RAP-SODIA" del duo Dosto &Yevski e donna Olimpia

Il costo del biglietto è di € 10,00 e il ricavato sarà destinato agli aiuti alle donne dell'India e attività a favore del territorio

Sarà necessaria una numerosa presenza per poter raggiungere lo scopo che ci siamo prefissi
Arrivederci a domenica 11 gennaio

Rotary Club Sabina Tevere

lunedì 5 gennaio 2009

SI RICOMINCIA !

L' Associazione Sportiva Dilettantistica "STIRPE SABINA SOFTAIR"
invita tutti gli iscritti e gli interessati alla riunione del 13 gennaio ore 21.00 presso i locali di piazza Duomo per l’ iscrizione e la programmazione delle attività del nuovo anno.

Befana in piazza

dal sito de "Iltempo.it"

[...] In Sabina la Befana è attesa anche a Magliano Sabina e Poggio Mirteto. L'appuntamento di Magliano è per domani alle 15 in piazza Garibaldi e sono invitati a partecipare tutti i bambini tra i tre e i sei anni. L'iniziativa è del Rotary club «Sabina Tevere» di Magliano e dei vigili del fuoco di Rieti. Il programma prevede, alle 15, l'esibizione dei vigili del fuoco e dei mini vigili. Poi, alle 15.30, l'azione si sposterà sul palco del Teatro Manlio, con lo spettacolo dei ìTataclown" al Teatro Manlio. Gran finale alle 17 con la Befana, che arriverà carica di calze e doni per tutti i piccoli. [...]

sabato 3 gennaio 2009

Un altro anno di Sabinamente...

Due sono le candeline da mettere sulla S di Sabinamente, perché domani festeggiamo il nostro secondo compleanno. A tal proposito cogliamo l’occasione per ringraziare tutti voi, commentatori lettori o semplici curiosi che quest’anno avete letto quello che avevamo da dirvi. Per riassumere in numeri questo nostro 2008, ecco le statistiche: 329 sono i post pubblicati, 3'249 i commenti, 35'472 le visite.

E adesso, per ricordare gli eventi dell’anno appena trascorso, l’alfabeto del 2008:
- A come acqua e arsenico: "Vietato l'uso umano", così è stato detto dell'acqua di Magliano, ma ancora oggi ci troviamo nella stessa situazione del 2003, anno in cui è entrata in vigore la legge. Il dearsenificatore ancora non ce l’abbiamo. I soldi sono già stanziati ma la questione è ancora aperta.
- B come bilancio partecipato: l'anno scorso è stato di fondamentale importanza per realizzare la settimana maglianese, quest'anno abbiamo notato qualche stranezza...che sia di fastidio a qualcuno?
- C come cimitero: una battaglia che ci ha visto uniti a molti per fermare uno scempio che si voleva realizzare e far passare in sordina. Magliano ha detto no!
- D come domenica aperto: la collaborazione del comune, della mirabilis teatro, della parrocchia e di sabinamente per raccontare ai maglianesi (e non) la storia dei nostri monumenti. Da ripetere in futuro (magari facendo più pubblicità).
- E come eurospin: il blitz per chiuderlo, la riapertura, la seconda chiusura definitiva. Ora le carte sono in tribunale. Non possiamo far altro che attendere.
- F come feste locali: S. Pietro, youngs night, raduno auto, sabina musica festival, berardelli, angeli, festa della birra, notte bianca e molti altri sono gli eventi pubblicizzati. Perché Sabinamente è anche promozione del nostro territorio!
- G come giardinetti: luogo simbolo per i maglianesi, da tempo immemore lasciato a sé stesso. Ora ecco i lavori. Ci auguriamo che non torni come prima.
- H come hotel: cioè ostello, cioè… non si sa. Dovrebbe diventare un alberghiero, secondo gli ultimi avvisi. Ma è da anni che si ripetono gli annunci, sempre in periodo elettorale. Intanto, pur non avendolo mai utilizzato, sarebbe già necessario risistemarlo.
- I come Incontri: Il giornale dei maglianesi quest’anno ha faticato ad uscire. Il prossimo anno è un’incognita. C’è bisogno di gente che possa dedicarci del proprio tempo. Invitiamo già adesso chi può a farsi avanti e aiutare questo nostro giornale locale.
- L come lavoro: che si va sempre promettendo, che ci sarebbe modo di crearlo, magari con una operativa sociale. Chissà magari attività come una piscina … ma tanto qua aspettiamo sempre quelli che vengono da fuori.
- M come Masan: una catastrofe ambientale che ha inquinato e danneggiato per gli anni a venire una importante zona del nostro paese. Ma anche qua tutti zitti, perché contano più le antipatie personali e la politica. Se qualcuno si inizierà ad ammalare ci penserà sempre la politica?
- N come notte bianca: un evento che riesce bene nella sua semplicità, migliorato quest’anno grazie al moustache team. Qualche piccolo cambiamento e una programmazione preventiva potrebbero renderlo ancora più appetibile.
- O come ospedale: Ogni anno a lottare contro sistemi più grandi di noi senza mai mollare un centimetro! Anche in questo un esempio di come uniti si possano risolvere le cose!
- P come presepe: un nostro impegno per mantenere vive le tradizioni e per arricchire questo natale maglianese, un po’ povero, un po’ troppo abbandonato.
- Q come quattro gennaio: è il nostro compleanno. Due anni fa siamo usciti sul web con il nostro primo post. Eccoci ancora qua. Il nostro primo impegno è sempre quello: Magliano.
- R come Raccolta differenziata: doveva essere organizzata in autunno, limitatamente al centro storico. Siamo nel 2009. Attendiamo.
- S come scuole: primo anno geometri perso, ragioneria è diventata storia. Ora abbiamo solo lo scientifico e gli ultimi anni di Geometri. Teniamoceli stretti e promuoviamo le nuove prime classi. Magari se si fa qualche incentivo alle famiglie?
- T come tradizioni: La tradizione sopra ogni cosa, il culto per il nostro paese e la sua storia. Senza mai dimenticare le nostre origini, facendo di tutto affinché essere possano essere mantenute sempre vive.
- U come Umbria: Di certo non la panacea di ogni male, ma comunque sia una pulce messa nelle orecchie di chi deve capire che Magliano non è fatta di pecoroni battimani ma di gente stufa e vogliosa di crescere economicamente, culturalmente e socialmente.
- V come vandalismo, che purtroppo attecchisce anche qua da noi. Cercheremo ogni giorno di dare un alternativa, di essere un punto di incontro per i giovani, di unire affinché tempo per rompere un vetro non se ne abbia più, con la speranza che anche il comune faccia qualcosa.
- Z come ZzZz, ossia i troppi sonni che si è fatto questo paese. E’ ora di iniziare a passare la sveglia!!!

giovedì 1 gennaio 2009

Numeri del 2008: demografia e sacramenti

Dalla messa di ringraziamento di fine anno del 31 dicembre 2008 abbiamo i seguenti dati: in questo anno i morti sono stati 47, i nati 33. Il saldo torna ad essere negativo, in tendenza con gli ultimi decenni. Per quanto riguarda gli altri numeri concernenti i sacramenti (nella parrocchia di Magliano Sabina), 22 i battesimi, 5 i matrimoni, 24 comunioni e 16 cresime.
Related Posts with Thumbnails