In Evidenza

sabato 30 marzo 2013

Buona Pasqua

The passion of the Christ - Mel Gibson - 2004

Un augurio di una Santa Pasqua
a voi e alle vostre famiglie

giovedì 28 marzo 2013

Blitz dei carabinieri: sgominata la banda dei furti in villa

dal sito de "Il Messaggero"


Sirene accese, imponente spiegamento di mezzi e uomini. Non è stata una mattinata come le altre, quella di ieri, per gli abitanti di Magliano Sabina, svegliati dalle sirene delle gazzelle dei carabinieri della compagnia di Poggio Mirteto comandata dal capitano Antonio Bandelli che hanno dato vita ad una maxi operazione antifurto denominata Blue Car. Otto le custodie cautelari emesse, di cui sei in carcere e due con obbligo di dimora. Provvedimenti emessi nei confronti dei componenti di quella che per i militari della compagnia mirtense è una banda specializzata in furti in appartamento, commessi in provincia ma anche nel resto del territorio della regione. E non a caso le indagini sono partite mesi fa dalla locale stazione dei carabinieri che ha iniziato a lavorare insieme ai colleghi di Collevecchio e Stimigliano, mettendo insieme le tessere di un mosaico non semplice da ricomporre. I militari hanno iniziato con il raccogliere le informazioni, giungendo alla convinzione di trovarsi di fronte a una vera e propria banda, specializzata nel mettere a segno colpi nelle abitazioni, non solo nella provincia di Rieti. Gli arrestati sono tutti uomini e italiani che appartengono al mondo dei giostrai. E non tutti risiedono nel Lazio, cosa che tuttavia non ha impedito loro di mettere in piedi un sistema collaudato con comunicazioni frequenti anche a distanza. All’interno del gruppo, in base agli elementi raccolti dai carabinieri, ogni componente aveva un ruolo, con attività, zone e immobili ben precisi da svaligiare. Circa 20 i colpi scoperti fino a questo momento, tutti messi a segno dalla banda nel centro Italia, tra il Lazio e l’Abruzzo. Un mosaico complesso, che è stato definitivamente ricomposto ieri. Tutto ha avuto inizio alle prime luci dell’alba con la maxi operazione che ha svegliato Magliano e dintorni. Ma il blitz non si è fermato in provincia e ha portato i militari oltre il territorio regionale. I presunti responsabili sono stati catturati tra San Cesareo (Roma), Aprilia (Latina), Palestrina (Roma) e Avezzano (L’Aquila). Le custodie cautelari emesse parlano di associazione a delinquere finalizzata ai furti in appartamento.

mercoledì 27 marzo 2013

Sabina Musica Festival 2013, premio pianistico Sergio Cafaro


Dal 3 al 7 aprile si rinnova l’appuntamento con il Concorso di Esecuzione Musicale ‘Città di Magliano Sabina’, quest’anno alla sua XI Edizione. Durante il Concorso alcuni fra i giovani musicisti più talentuosi d’Italia si confronteranno e affronteranno il giudizio di una qualificata commissione composta da docenti di Conservatorio e musicisti di chiara fama nazionale e internazionale. I vincitori del Primo Premio Assoluto di ciascuna categoria di età verranno premiati con una borsa di studio: potremo ascoltarli il 7 aprile alle ore 16.00 – presso il Teatro Manlio di Magliano Sabina - in occasione del Concerto Finale. Fra i molti premi assegnati, grande rilevanza merita il Premio Pianistico ‘Sergio Cafaro’ - tre borse di studio di € 1500, 800 e 500 – istituite alla memoria del grande pianista amante della Sabina e offerte dalla Sig.ra Anna Maria Martinelli Cafaro. 
Info: www.ilventaglio.net

lunedì 25 marzo 2013

Rubano furgone e essiccatore, fermati durante la fuga





dal sito de "Il Messaggero"

Operazioni dei carabinieri in provincia per prevenire e debellare l'odioso fenomeno dei furti negli appartamenti. A Magliano Sabina, i carabinieri di Poggio Mirteto e delle stazioni di Magliano e Cottanello hanno arrestato in flagranza di reato tre uomini di età compresa tra i 40 e 30 anni, uno residente a Terni gli altri due a Fonte Nuova, nel comune di Mentana, fermati sulla Flaminia a bordo di un Fiat Ducato, risultato rubato nel corso della notte a Narni, in provincia di Terni. A bordo del mezzo i carabinieri hanno rinvenuto un’essiccatrice per fertilizzanti, rubata presso lo stabilimento chimico Adica della città umbra. La refurtiva è stata restituita ai legittimi proprietari. Dopo gli accertamenti, uno dei tre è stato denunciato per evasione e false dichiarazioni sull’identità personale per aver fornito false generalità, per nascondere che su di lui pendeva la misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal tribunale di Roma. A Stimigliano, invece, i carabinieri della locale stazione, nel corso di predisposto servizio di prevenzione e repressione di reati contro il patrimonio, hanno denunciato tre romeni, tutti residenti a Stimigliano, colti in flagranza di reato mentre tentavano di forzare, con due grossi cacciavite, la porta d’ingresso dell’abitazione di una 76 enne del luogo. Gli arnesi da scasso venivano sottoposti a sequestro.

Il rischio smantellamento del "Marini" mette tutti in allerta

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

(clicca sull'immagine per ingrandire)

venerdì 22 marzo 2013

Incontri corali a Magliano: il convegno e concerto



“IL CORO: PONTE TRA LE GENERAZIONI” è il tema del Convegno promosso al Coro Polifonico G.G. Carissimi di Magliano Sabina, che si avrà il 23 marzo 2013 dalle ore 14.30 alle ore 17.00 presso l’Aula Consiliare di Magliano Sabina.
Relatori saranno:
- il M° Alvaro VATRI, Presidente ARCL e Vicepresidente della FENIARCO che parlerà su “La coralità amatoriale, una “Rete” a due dimensioni”;
- il M° Fabio DE ANGELIS, Direttore del Coro Giovanile DIAPASON che parlerà su “Giovani coristi da scuola a fuori scuola: istruzioni per l’uso”;
- la Prof.ssa Teresa PRINCIPESSA , Preside dell’ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO di Magliano Sabina che parlerà su “Fare musica insieme per un apprendimento efficace: definizione e realizzazione di un piano formativo integrato”.
Interverranno, altresì, i seguenti signori che metteranno a confronto le proprie esperienze: Alessio FERRACCIOLI, Cantore del Coro DIAPASON; Claudio TONDINELLI, Cantore Decano del Coro Polifonico G.G. CARISSIMI; M° Ennio FRANCESCONI, Direttore del Coro CENTER; Gianfranco LIBERATI, Presidente del Coro CENTER; Luigi BISCETTI, Presidente del Centro Anziani di Magliano Sabina.
Presso il Teatro Manlio seguirà alle ore 18.00 il Concerto “GIOVANI VOCI IN CORO” con il Coro DIAPASON diretto dal Maestro Fabio De Angelis.
Ingresso Libero.

Per informazioni: Ufficio Cultura, 0744.910336
http://corocarissimi.blogspot.it



mercoledì 20 marzo 2013

Refrigeri nominato assessore regionale a infrastrutture



E' Fabio Refrigeri il successore di Luciano Ciocchetti alla guida delle politiche abitative della Pisana. Il neo presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha presentato la sua nuova giunta, composta tutta da "esterni" al consiglio. Il delicato ruolo di gestire le infrastrutture e le politiche abitative (è di questi giorni la polemica sullo stop a parte del piano Casa avviato dalla giunta Polverini) andrà al sindaco di Poggio Mirteto Refrigeri. Refrigeri ha ricoperto negli anni numerosi incarichi amministrativi nell’area del reatino. Responsabile, per l’Anci Lazio, delle unioni di comuni e dell’associazionismo comunale dal 2004 al 2009. Responsabile all'Anci dello Sportello unico delle attività produttive e commercio dal 2011. Presidente dell’unione di Comuni della Bassa Sabina. Al Demanio invece va Alessandra Sartore, per molti anni dirigente del ministero dell'Economia che avrà anche la gestione del bilancio della regione Lazio.

Maglianese vs Bassano, ma nel segno dell'Unicef



dal sito "Newtuscia"

MAGLIANO SABINA – Chi l’ha detto che su un campo di calcio non possano trionfare i valori della solidarietà e dell’altruismo? Chi l’ha detto che sul terreno di gioco non si debbano organizzare questi eventi? Perché in taluni casi il calcio deve essere associato ad eventi violenti e non propositivi o solidali? Ciò che è successo domenica in terra reatina invece ne è chiara testimonianza di “buon calcio”. Su proposta della società bassanese, con il sostegno della Fondazione Varrone, prima dell’incontro di calcio Maglianese-Bassano, valevole per il campionato regionale FIGC di Seconda categoria, girone B, le due squadre sono scese in campo con lo striscione dell’Unicef per sensibilizzare l’opinione pubblica sportiva e non sul fondo internazionale per l’assistenza ai bambini e alle loro madri in difficoltà. Un’iniziativa questa dall’alto profilo morale che difficilmente viene messa in campo tra i dilettanti che distingue quindi le due società sportive. Dopo le iniziative in favore della donazione del sangue, le manifestazioni nelle scuole e del giorno della Memoria, il Bassano calcio taglia un altro importante traguardo nel proprio cammino dentro e fuori il rettangolo di gioco.
“A distanza di cinque anni dalla nostra fondazione – ha ricordato Alfredo Boldorini – portiamo ancora avanti certi valori per migliorare la società civile ed il mondo sportivo. Cerchiamo nel nostro piccolo di portare in alto queste iniziative, cercando per primo di assumere per primi comportamenti degni di nota. Il premio fair play della Figc ci gratifica in questo senso e ci fa continuare il cammino intrapreso anni fa. Ringraziamo gli amici della Maglianese per aver accolto il nostro invito (si è trattato della seconda edizione, ndr) e speriamo di farne ancora molti insieme”.
Per la cronaca prima della gara alcuni giocatori bassanesi hanno indossato la speciale muta del Bassano targata Unicef.


martedì 19 marzo 2013

Tacchini e mattatoio: l'inchiesta di Repubblica

dal sito de"La Repubblica"


In provincia di Rieti la vicenda dell'impianto di compostaggio autorizzato a sorgere accanto a un'importante impresa avicola preesistente. Le battaglie legali e l'allarme sull'acqua dei pozzi.

ROMA - Se non il buon senso, piani regolatori accorti dovrebbero considerare la particolare natura delle aziende di carne e la loro influenza su ambiente e umanità. Non sempre è così e ci s'imbatte in casi paradossali, come quello del comune di Magliano Sabina, provincia di Rieti, che accoglie un allevamento intensivo di tacchini posto di fianco a una discarica di rifiuti dichiarati altamente tossici, nonché un mattatoio fra le case del centro cittadino. Attiva da parecchi anni con cambi di gestione, l'impresa avicola preesisteva all'impianto di compostaggio che la Masan fu incredibilmente autorizzata a realizzare nel terreno confinante. La struttura divenne tristemente famosa poiché un'indagine dimostrò la presenza di rifiuti pericolosi trasformati in concime che compiacenti aziende agricole biologiche smaltivano a pagamento sulle proprie coltivazioni. Nel 2004 fu posta sotto sequestro per volontà della Procura e l'incidente probatorio dimostrò che nel sito della Masan, società che risultava infiltrata da personaggi equivoci fra cui membri del clan dei Casalesi, finivano residui di concerie e ospedali, derivati dall'abbattimento dei fumi di acciaieria, fanghi con presenza di idrocarburi e di origine industriale e scarti di fibre tessili di origine animale. Le perizie sull'acqua effettuate dal Tribunale di Rieti rivelarono subito che quasi tutti i pozzi della zona, in un raggio piuttosto vasto, erano compromessi da metalli pesanti chiaramente riconducibili all'impianto e destinati, col tempo, a penetrare nelle falde più profonde aumentando l'inquinamento. Da allora, a lungo e invano, cittadini e associazioni hanno protestato per la contiguità fra la discarica e i capannoni, ricoperti in parte di eternit, dove si ricoverano decine di migliaia di tacchini. Al riguardo, di recente, anche l'Enpa-Ente nazionale protezione animali ha richiesto un accesso agli atti. "Ormai ho rinunciato a vederci chiaro", racconta un giovane della zona, "ma abbiamo assistito a morie sospette di animali, ammucchiati fuori in pile di corpi e ossa. E ancora ne vediamo, prima che vengano portati via. Il pozzo dell'allevamento pesca proprio accanto all'impianto di compost, chiuso grazie al sequestro giudiziario ma con una quantità di rifiuti pericolosi ancora lì, sul terreno, coperti e ammassati. Inoltre, a tutt'oggi manca un serio censimento di questi depositi, che potrebbero essere in parte sotterrati e ricoperti di cemento". Per un certo periodo la battaglia va avanti a suon di denunce, interrogazioni, ricorsi al Tar. Nel gennaio 2006 la parlamentare Loredana De Petris presenta un'interrogazione in cui chiede di verificare se esistano o meno le condizioni per poter immettere sul mercato le carni provenienti da questo allevamento, visto che le analisi fornite dalla Asl per dimostrare la salubrità delle acque sono prodotte dai laboratori della ditta Amadori, famosa nel commercio del pollame e legata all'impresa da un contratto. La risposta del Ministero della Salute è evasiva. "L'allevamento rispetta in modo impeccabile ogni norma, l'autocertificazione delle acque da parte di un'impresa seria come Amadori è più che attendibile, ma siamo confortati anche dal buon esito delle perizie dell'Arpa Lazio", risponde Massimo Di Tommaso, incaricato della Asl competente, alle istanze dubbiose. Il gestore dell'attività, Francesco Martini, specifica: "Io qui sono in affitto solo da qualche anno. Ricordo che tempo fa fu proposto al proprietario della struttura un cambio di destinazione, ma poi non se ne fece niente: il Comune non era disposto a contribuire". "Amministro appena dal 2009, la Asl mi ha sempre confermato che l'allevamento opera in regola", dichiara Alfredo Graziani, sindaco di Magliano Sabina, che in pieno centro urbano, come s'è detto, vanta pure la presenza di un mattatoio municipale - industria insalubre di prima classe - protestato dai cittadini fin dai primi anni 90. A febbraio Graziani ha deliberato di affidarne la gestione a una società esterna, per mezzo di una gara d'appalto aperta al miglior offerente, incaricando una società napoletana di pubblicare il bando sulla Gazzetta Ufficiale. "Sentiamo gridare gli animali anche di notte, con l'acqua di scarico scorrono lungo la strada rivoli di sangue, si ammassano escrementi; ne siamo sconvolti, io e i miei bambini" racconta un abitante, e una ragazza aggiunge: "Ho visto scaricare mucche riottose a colpi di rostro, ferite e terrorizzate: quando ho provato a intromettermi poco ci mancava che gli operai colpissero anche me". Benché le norme vigenti prevedano che i macelli siano collocati a adeguata distanza dai centri abitati "per spostare questa struttura, indispensabile agli allevatori di zona, servirebbero 600mila euro almeno: non li abbiamo", spiega il sindaco Graziani. "Per ora, l'unica soluzione è una civile convivenza. E poi, qualche casa lì intorno è stata costruita anche successivamente al macello; i proprietari avrebbero potuto scegliere altrimenti". O, forse, le autorità non avrebbero dovuto permetterlo? Fatto sta che in un attestato datato aprile 2007, emesso dal Corpo Forestale dello Stato a seguito dell'esposto di un cittadino, si legge che il mattatoio non è più in linea con la normativa comunitaria e la sua presenza "anacronistica e inadeguata ha scadenza nell'anno 2011".

lunedì 18 marzo 2013

Mandato di cattura internazionale per uno straniero che vive a Magliano

dal sito "Sabinia.it"


Arrestato macedone con mandato di cattura internazionale

Il personale della Squadra Mobile, ha arrestato il cittadino macedone S. S., del 1973, dando esecuzione ad un ordine di cattura internazionale, a fini estradizionali, emesso dal Tribunale di Gostivar (Macedonia), per il reato di detenzione illegale di armi e materiali esplodenti. L’uomo, infatti, ormai residente in Italia da molti anni e con un regolare permesso di soggiorno per lavoro, nel 2008, è stato oggetto di un mandato di cattura emesso dal Tribunale di Gostivar (Macedonia), in quanto riconosciuto responsabile del reato di detenzione illegale di armi per fatti avvenuti nel lontano 2002. Gli accertamenti effettuati, sollecitati dal Servizio Interpol macedone alla Direzione Centrale della Polizia Criminale di Roma, hanno permesso agli investigatori reatini di rintracciare l’uomo nel Comune di Magliano Sabina nello scorso week-end. L’uomo è stato, pertanto, arrestato ed associato presso la Casa Circondariale Nuovo Complesso di Rieti in attesa dell’accoglimento della richiesta di estradizione avanzata dalle Autorità macedoni.

Sanità, incontro tra Gianani e Graziani

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

(clicca sull'immagine per ingrandire)

venerdì 15 marzo 2013

Fausto e gli sciacalli al Manlio con Triestino e Pistoia



VEDI IL VIDEO 1 - 2

Domenica 17 marzo 2013 alle ore 18.00 termina la stagione teatrale al Teatro Manlio di Magliano Sabina, realizzata dall’Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio (ATCL) e promossa dalla Regione Lazio – Assessorato alla Cultura, Arte e Sport e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, con lo spettacolo FAUSTO E GLI SCIACALLI. Dopo Grisù Giuseppe e Maria, Ben Hur e Trote, ecco gli inseparabili Paolo Triestino e Nicola Pistoia alle prese con un testo nuovo di zecca scritto per loro dalla penna corrosiva ed esilarante di Gianni Clementi: Fausto e gli Sciacalli. Immaginateli nei panni del cantante e del batterista di un gruppo (Fausto e gli Sciacalli, appunto) che ha vissuto negli anni '80 un certo successo per una canzone. E poi nulla più. La vita li ha portati in altre direzioni, con le inevitabili amarezze di chi un sogno lo nutriva. Una storia di oggi, esilarante ed amara, avvincente e poetica, accompagnata dalle note di una bellissima canzone. Accanto a loro un gruppo di attori straordinari: Elisabetta De Vito, Sandra Caruso, Ciro Scalera ed Ariele Vincenti. Costo del biglietto è 10 euro. Informazioni: Ufficio Cultura 0744.910336 www.comune.maglianosabina.ri.it

Soggiorni estivi per giovani organizzati dal Comune

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

(clicca sull'immagine per ingrandire)

giovedì 14 marzo 2013

Magliano, tra San Francesco e Papa

(Visita di Papa Giovanni Paolo II a Magliano Sabina, venerdi 19 marzo 1993)


(Cripta della Madonna delle Grazie, San Francesco, dal blog "Melaverde")



sabato 9 marzo 2013

Edizioni Incontri va online, con catalogo e rivista


Una nuova puntata della storia di Incontri viene oggi scritta tramite un nuovo sito: www.incontriedizioni.it. Il portale, molto semplice e chiaro, promuove in prima pagina il libro "La conta delle Stagioni" di Claudio Tondinelli, memoria vivente di Magliano. Il libro "rievoca la vita di una famiglia contadina, che attraverso il lavoro dei campi, registra i prodotti della terra, la cucina, i vestiti, i nomi di vocaboli, le strade, le fontane, i mestieri, gli attrezzi, i mezzi di trasporto e, a corredo, le tradizioni, i riti e le funzioni religiose, le fiere e i giochi popolari."
Ma questo è solo l'ultimo dei tanti libri che possono essere acquistati: quaderni e libri, per la maggior parte scritti e redatti a cura di Guido Poeta, che tanti maglianesi già conoscono e possiedono in casa, come "Un feudo scomodo", "Guerra senza eroi", "Manlio e Magliano oltre la leggenda" e tanti altri. Nella pagina "Rivista online" è possibile riscoprire i vecchi articoli pubblicati negli anni passati sul giornale locale. 

"Le edizioni Incontri sono un progetto dell’Associazione culturale “Antonio Piazza” di Magliano Sabina. Il sodalizio, che non ha scopo di lucro, è nato nel 1990 con l’intento di promuovere l’informazione delle comunità locali come bene e diritto di cittadinanza e, insieme ad essa, la storia e la cultura locali. Tra le iniziative di questa associazione, intitolata al primo giornalista “locale” italiano, anche la pubblicazione di un mensile denominato Incontri". Oltre 23 anni di storia locale, diventata oggi glocale tramite la rete.

venerdì 8 marzo 2013

Biblio...thè, al secondo appuntamento

Giovedì 28 febbraio, alle 5 pomeridiane, in un raffinato spazio della Biblioteca Comunale, allestito da Caterina Placidi e da Anna Valentini, affollato da numerosi ospiti, ha avuto l’avvio il primo incontro di Biblio…tè, una serie di appuntamenti che si ripeteranno quasi tutti i giovedì fino al mese di giugno, proprio in un luogo inusuale, come quello dedicato alla lettura. A dare il via è stato Tino Pagliani, che ha intrattenuto il pubblico presente parlando delle sue esperienze letterarie e non, basate su giochi di parole, sottintesi, battute da cabaret, sottili spunti linguistici, aneddoti, attirando l’interesse dei presenti. Molto apprezzato il the Darjeeling accompagnato da gustosi pasticcini.

Prossimo appuntamento il 14 marzo, ore 17, sempre in biblioteca.



giovedì 7 marzo 2013

Presentazione del libro di Laura Scanu al Liceo Tagliacozzo


Venerdì 8 Marzo 2013 alle ore 11:00, Laura Scanu presenterà ai ragazzi del Liceo Scientifico “Mario Tagliacozzo” di Magliano Sabina (RI) PRIMA CHE CALI IL SILENZIO di Laura Scanu, Laura Capone Editore, copyright 2012 Milano, patrocinato dalla Provincia di Rieti e dall’Associazione Nazionale La Caramella Buona contro la pedofilia. Parteciperà all’incontro la Psicologa, Dott.ssa Luisa Rinaldi dell’ASL di Rieti.
Magliano Sabina- Presentazione del libro di Laura Scano, Prima che cali il silenzio


Nel pomeriggio, in occasione della Festa della Donna, l’autrice interverrà all’evento tutto al femminile “Parole… Letture… Emozioni”, che si svolgerà a partire dalle 17:00 presso la Biblioteca Comunale di Magliano Sabina.

Prima che cali il silenzio affronta la tematica della pedofilia con coraggio, senza voler romanzare il terribile fenomeno. L’autrice è abile nel capovolgere totalmente la prospettiva del lettore che si trova davanti non la vittima, come accade di solito, bensì un uomo qualunque, il pedofilo, che vive all’interno della propria famiglia in un’apparente normalità.

Il protagonista non è pazzo, né malato, non ha subito violenze sessuali e svolge una vita sociale che rientra nella media, ma diventa man mano vittima del suo stesso desiderio sessuale che partito come un semplice pensiero eccitante lo rende, in un crescendo, sempre più avido ed egoista, fino a fargli perdere totalmente la cognizione ed il controllo. Il pedofilo, abbandonando ogni remora, sembra giustificare il suo agire a discapito delle stesse persone che dice di amare, ed è così che la parola amore assume un senso sofferto, doloroso e distorto.

martedì 5 marzo 2013

Pressioni per Refrigeri in Giunta regionale

Prosegue la richiesta a Zingaretti di inserire il sindaco di Poggio Mirteto nella nuova giunta regionale laziale.



lunedì 4 marzo 2013

Nuovo Consiglio Regionale: nessun eletto dalla provincia di Rieti

In un'eventuale consiglio regionale umbro allargato alla provincia di Rieti, quest'ultima avrebbe avuto - invece - come minimo, tre rappresentanti del territorio.



Con 28 seggi alla maggioranza e 22 all'opposizione si è delineata la composizione del nuovo Consiglio regionale del Lazio. Secondo l'elenco fornito dal Viminale, resta esclusa la provincia di Rieti, che non ottiene neanche un seggio mentre Latina e Frosinone ne ottengono tre ciascuno anziché quattro come previsto nel decreto dell'ex governatore Polverini. Rispetto alla precedente consiliatura, i consiglieri scendono da 70 a 50 e i gruppi da 15 a 11 con 5 monogruppi. Oltre ai dieci seggi assegnati alla lista Zingaretti per il Lazio (il cosiddetto 'listino bloccato' del presidente), 13 vanno al Pd, due a Lista civica Zingaretti, uno a Sel, uno al Partito Socialista Italiano, uno al Centro Democratico. Sette invece i seggi assegnati al Movimento 5 Stelle e due alla coalizione Bongiorno presidente. Alla lista Lazio 2013 di Francesco Storace va un seggio, mentre nove vanno al Pdl, uno a Fli, uno alla Destra, uno alla Lista Storace. Dieci le donne elette, cinque nel listino di Zingaretti (non a preferenza), quattro con il M5S, una con la lista Storace. Massimiliano Valeriani il più votato a Roma, con 12.809 preferenze. Esclusi eccellenti, i candidati governatori Giulia Bongiorno, Sandro Ruotolo, Giuseppe Rossodivita. Ma anche il giornalista candidato con Storace Fidel Mbanga Bauna, Livia Azzariti, Jean Leonard Touadi, l'ex assessore regionale Luca Malcotti e l'ex assessore capitolino Marco Visconti. I dieci nomi del 'listino' Zingaretti sono: Nicola Zingaretti, Cristiana Avenali, Daniela Bianchi, Marta Bonafoni, Cristian Carrara, Baldassare Favara, Rosa Giancola, Gian Paolo Manzella, Daniele Mitolo, Maria Teresa Petrangolini, Riccardo Valentini. Ecco i nomi dei consiglieri di maggioranza eletti: per il Pd a Roma sono stati eletti Riccardo Agostini, Fabio Bellini, Mario Ciarla, Rodolfo Lena, Daniele Leodori, Simone Lupi, Eugenio Patanè, Massimiliano Valeriani, Marco Vincenzi, Gianfranco Zambelli. Sempre per il Pd, nella circoscrizione di Frosinone è stato eletto Mario Buschini; per Viterbo Enrico Panunzi; a Latina Enrico Forte; per la lista civica Zingaretti, sono stati eletti Michele Baldi e Gianluca Quadrana; per Sel Gino De Paolis, per il Psi Oscar Tortosa, per il Centro Democratico Piero Petrassi. Ecco i consiglieri di opposizione eletti: per il Pdl a Roma sono stati eletti Antonello Aurigemma, Pino Cangemi, Fabio De Lillo, Pietro Di Paolo, Luca Gramazio, Adriano Palozzi. A Viterbo Daniele Sabatini, nella circoscrizione di Latina Giuseppe Simeone, per il Pdl nella circoscrizione Frosinone e' stato eletto Mario Abbruzzese. Per il Movimento 5 stelle sono stati eletti a Roma Davide Barillari, Valentina Corrado, Silvana Denicolò, Gianluca Perilli, Devid Porrello, a Viterbo Silvia Blasi, a Latina Gaia Pernarella. Per Bongiorno presidente sono stati eletti a Roma Pietro Sbardella e a Frosinone Marino Fardelli. Per Fdi a Roma Giancarlo Righini. Per La Destra a Roma Fabrizio Santori; per Lista Storace a Roma Olimpia Tarzia.

venerdì 1 marzo 2013

Refrigeri, su cui puntava Magliano, non è stato eletto

dal sito de "Il Messaggero"


Fabrio Refrigeri non ce l'ha fatta. Nonostante le quasi diecimila preferenze raccolte, il sindaco di Poggio Mirteto non ha raggiunto il quorum sufficiente per conquistare un seggio alla Regione Lazio, superato dai candidati del Pd di Roma e Viterbo. Ma il risultato conquistato da Refrigeri è comunque straordinario e potrebbe ora aprirgli ugualmente le porte per un seggio a La Pisana, sotto forma di un posto nel nuovo esecutivo del presidente Zingaretti. "Abbiamo realizzato un risultato incredibile - ha commentato Refrigeri - siamo il dato percentuale più alto del Pd nel Lazio (24.332 voti pari al 33,22% e 9823 preferenze), nonostante ciò tutto questo non è stato sufficiente a garantirci l’ingresso nel consiglio regionale per via della complicatissima legge elettorale fatta di quozienti e resti. Grazie comuqnue di cuore a tutti le persone che hanno creduto nel nostro progetto, 25mila voti sono un‘enormità e una grande responsabilità. Continueremo insieme per questo territorio, con la speranza che il nostro grande lavoro venga ripagato nel giusto modo nell’interesse esclusivo del benessere della nostra terra".

Biblio...thé delle 5

(clicca sull'immagine per ingrandire - dal blog "Magliano Insieme")

Related Posts with Thumbnails