In Evidenza

mercoledì 30 aprile 2014

La notizia dell'esclusione della lista Orsini sui giornali

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


lunedì 28 aprile 2014

"Faremo ricorso al Tar": la reazione della Lista Orsini


L'esclusione della lista di Franco Orsini dalla corsa per Palazzo Vannicelli non è ancora definitiva. Notificato oggi, lunedi 28 aprile, al candidato sindaco il provvedimento amministrativo, la legge prevede tre giorni di tempo entro i quali proporre ricorso. E l'impugnazione sarà presentata, forse, già domani.  "Ma nel frattempo il tempo per la campagna elettorale - dice Orsini - si riduce sensibilmente"

La questione è sorta a causa delle difficoltà di presentazione dei certificati per l'iscrizione nella lista elettorale. Per legge chi risiede a Magliano vi è di diritto iscritto. Ma chi è candidato fuori deve chiedere il certificato agli uffici del Comune di provenienza. E per due candidati consiglieri della lista "La Sabina nel cuore", non maglianesi, i tempi erano davvero stretti, se non impossibili. "Gli uffici di Roma e del Ternano erano chiusi venerdi 25 maggio, poiché era festività; così come sabato 26", ricorda Orsini.

I membri della lista, non avendo altro tempo, hanno prodotto oggi, lunedi 28 aprile, i certificati e li hanno consegnati alla commissione di Poggio Mirteto. Ma oramai, per l'ufficio mirtense, era troppo tardi.

Nei prossimi giorni verrà presentato il ricorso. Dal giorno della presentazione, il Tar Lazio ha altri tre giorni di tempo per rispondere. Entro lunedi 5 maggio la questione dell'esclusione della Lista di Orsini dovrebbe trovare soluzione.

Clamoroso: la Lista Orsini è stata esclusa. Non escluso il ricorso


dal sito de "Il Messaggero"

A Magliano Sabina stata esclusa dalla tornata elettorale di maggio la lista «La Sabina nel cuore» per Franco Orsini sindaco. La terza lista presentata a Magliano Sabina non ha passato il vaglio della commissione dell’ufficio mandamentale di Poggio Mirteto prima e della Prefettura di Rieti poi, che ha certificato l’esclusione del raggruppamento dalla corsa a Palazzo Vannicelli. E’ l’unico caso di esclusione registrato in provincia. Alla base dello stop imposto ad Orsini e ai suoi, l’incompletezza della documentazione presentata
Per legge ogni candidato deve allegare al modello base di dichiarazione, il certificato di iscrizione alle liste elettorali che deve essere rilasciato dal Comune di residenza. Ed è qui che sarebbero sorti i problemi. Due dei candidati della lista «La Sabina del cuore» non risiedono a Magliano, ma a Roma e a Calvi dell’Umbria, enti che avrebbero dovuto rilasciare i documenti, ma che sabato erano chiusi. Per questo, a sentire Franco Orsini, che non ha ancora ricevuto comunicazioni ufficiali circa l’esclusione, non sarebbe stato possibile ottenere i certificati. 

 IL MOTIVO DEL'ESCLUSIONE
Stando così le cose, il 25 maggio, a Magliano correranno solo due liste, quella capeggiata dal sindaco uscente Alfredo Graziani e quella guidata dal giovane segretario Pd, Emanuele Eroli. Ma, vuoi un’indole ottimista, vuoi l’assenza di una comunicazione ufficiale, Orsini si dice «tranquillo. Finora nessuno mi ha comunicato nulla - spiega a Il Messaggero - Eravamo consapevoli dell’assenza di due certificati che sono stati impossibili da reperire perché nonostante uno dei due comuni sia quello della Capitale, sabato non aveva sportelli aperti come quello in provincia di Terni. Una cosa non plausibile, per questo siamo tranquilli e riteniamo che sia un fatto superabile. Se fosse confermata l’esclusione valuteremo il ricorso, ma magari non sarà necessario». A leggere le disposizioni normative, i margini sono però più stretti e le possibilità che la lista, che può di certo fare ricorso, possa essere riammessa sono davvero esigue, per non dire nulle. La bocciatura della lista nasce dal fatto che il numero dei candidati era il minimo previsto per i Comuni come Magliano che possono variare da 9 a 12. Escludendo i due privi di certificato, il numero dei candidati è sceso a 7 facendo perdere di conseguenza i requisiti alla lista intera.

domenica 27 aprile 2014

"La Sabina nel cuore" di Orsini pubblica la lista dei candidati consiglieri

sabato 26 aprile 2014

Magliano Democratica pubblica la lista dei candidati consiglieri

dal Facebook "Magliano Democratica"


"Insieme per Magliano" pubblica la lista dei candidati consiglieri

dal blog "Magliano Insieme"


Giovani talenti in gara al "Concorso di esecuzione musicale"

Dal sito de "Il Corriere di Rieti"

Entra nel vivo il concorso nazionale di esecuzione musicale di Magliano Sabina.




venerdì 25 aprile 2014

Stasera arriva la Primavera targata Pro Loco



dal sito de "Il Corriere di Rieti"


mercoledì 23 aprile 2014

Maglianese candidata sindaco... a Povegliano, provincia di Treviso!



E' Paola Mariani il candidato sindaco a Povegliano per "Continuità e Rinnovamento". Maglianese di nascita, trevigiana di adozione, Paola Mariani, sposata e con due figli, lavora come traduttrice. La lista scende in campo per proseguire il lavoro di Sergio Zappalorto.


POVEGLIANO – “Continuità e Rinnovamento”, questo il nome della lista civica che a Povegliano raccoglie il testimone dell’amministrazione uscente di Sergio Zappalorto, alla guida del Comune da due mandati.


Il candidato sindaco sarà Paola Mariani, attuale assessore alle politiche sociali e all’istruzione. Mariani, sposata con due figli, abita nella frazione di Camalò dal 2000 e lavora come traduttrice freelance dopo gli studi presso la Scuola Superiore di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori di Trieste. La sua candidatura a sindaco è stata fortemente voluta dal gruppo uscente e dai sostenitori dopo un confronto aperto e partecipato nonostante i tempi ristretti dettati dal referendum sulla fusione del 9 marzo 2014. A Povegliano, unico caso in provincia di Treviso, i cittadini hanno sposato la linea dell'amministrazione sulla fusione, e questo incoraggia la civica a proseguire il buon lavoro.

Le linee di programma della civica seguono in gran parte il solco di quanto già fatto, con attenzione alle nuove sfide che i comuni sono chiamati ad affrontare. Tra le priorità minori, famiglie e anziani, ma anche lavoro e housing sociale, scuola e ambiente, trasparenza e partecipazione. Con Mariani, anche Paolo Vidotto, vice-sindaco nonché assessore all’urbanistica, allo sport e alla cultura, Francesco Borsato, attuale assessore al bilancio, Luigino Zanatta, assessore ai lavori pubblici, e Lorella Piovesan, consigliera con delega all’istruzione nonché presidente della commissione sociale, scuola, sanità e pari opportunità. Il solido blocco degli uscenti sarà affiancato da un nutrito gruppo di energie nuove: una squadra di donne e uomini fra cui diversi giovani e giovanissimi: Alessandra Bardini, Paola Bottega, Gianluca Conte, Laura Grassato, Daniele Musardo, Fulvio Pettenuzzo, Matteo Zanatta, Irene Zanatta, tutti già attivi [Fonte: Oggi Treviso].

domenica 20 aprile 2014

Buona Pasqua


Un augurio di una Santa Pasqua
a voi e alle vostre famiglie

giovedì 17 aprile 2014

Il Tevere unisce tre province col contratto di fiume

dal sito "Il Corriere di Rieti"


mercoledì 16 aprile 2014

Arriva la Festa della Primavera

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

La festa è fissata per il 25 e 26 aprile, organizzata dalla Pro Loco.


lunedì 14 aprile 2014

L'arsenico non c'è più... per ora

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


sabato 12 aprile 2014

Grazie Don Carlo

Con il cuore grato e la preghiera salutiamo Don Carlo, ringraziandolo per tutto quello che ha fatto per la gioventù di Magliano e per la nostra comunità. A Dio.

(Foto Lorenzo Ballanti)

dal sito de "Il Corriere di Rieti"

mercoledì 9 aprile 2014

"Lucensis tornerà a Magliano"

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


martedì 8 aprile 2014

"Al Marini non ci sono radiologi" appello di Rosi

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


lunedì 7 aprile 2014

Il successo di Lucensis

dal sito de "Il Corriere di Rieti"



giovedì 3 aprile 2014

Abolita la provincia di Rieti? Macché, rimane e sarà... non eletta dal popolo


La riforma delle province, città metropolitane, unione dei comuni è legge. Secondo la vulgata saremmo tutti contenti poiché con la nuova normativa si dà un taglio alla spesa, si aboliscono le province, si creano città metropolitane etc... Ma qualcosa non torna.

Prima non notizia: le province non verranno abolite. Rimangono così come ne rimangono gli organi (presidente, giunta, assemblea). L'unica differenza sarà che non verranno elette dal popolo, ma soltanto dai consiglieri comunali (sic!). In più, i voti non avranno lo stesso valore, poiché saranno ponderati: chi vota in un comune più popoloso (es: Rieti) avrà più peso, chi vota in un comune meno popoloso (es: Magliano) avrà meno peso. Gli unici risparmi sarebbero, quindi, quelli derivanti dall'eliminazione delle democratiche spese per il suffragio universale diretto. 

Si è parlato di tagli ai politici. Circa 3mila politici non prenderanno lo stipendio. Sì, ma saranno previsti circa 30mila consiglieri in più. In vista delle prossime elezioni comunali maglianesi, torna a salire il numero dei consiglieri: saranno 12 (meno dei 16 di adesso, ma molti di più dei 7 previsti dalla precedente normativa) oltre il sindaco; gli assessori saranno 4.

Le città metropolitane verranno istituite. Finalmente una buona notizia. Nel resto d'Europa le metropoli totali sono circa 20. In Italia ne saranno istituite 10 (leggasi dieci), più altre 5 (cinque) in via di costituzione nelle regioni a statuto speciale. In poche parole, circa la metà delle città metropolitane europee saranno in Italia. Alla prossima riunione metropolitana internazionale avremo la Città di Londra che siederà finalmente accanto alla Città di... Reggio Calabria!

Sempre in tema di metropoli e di democrazia, il sindaco metropolitano diventerà automaticamente il sindaco del comune capoluogo. Il che significa che gli abitanti del comune di Fiumicino o di Civitavecchia saranno amministrati da un sindaco che non hanno eletto!
Infine, non sarà così facile poter uscire o entrare nella città metropolitana: il procedimento per la costituzione  dei nuovi enti è stato eliminato, e verrà considerato di diritto membro della metropoli quel comune già parte della provincia sostituita dal nuovo ente. 


mercoledì 2 aprile 2014

Ai domiciliari, fermato invece senza patente alla guida del camper

dal sito de "L'osservatore Laziale"


I carabinieri della stazione di Magliano Sabina, durante un servizio di controllo della circolazione stradale, hanno denunciato T.S. classe 1964, residente a Formello (Rm), censurato, poiché, all’atto del controllo veniva sorpreso alla guida di un camper, con patente di guida revocata dalla prefettura di Roma. Il predetto, inoltre, essendo sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di P.S. con obbligo di permanenza all’interno della propria abitazione ometteva di rispettare gli obblighi imposti dalla misura.

martedì 1 aprile 2014

Fermata banda con attrezzi da scasso su di un furgone rubato

dal sito de "Il Corriere di Rieti"


Related Posts with Thumbnails